Casa smart: le detrazioni fiscali per i dispositivi intelligenti

Fino al 31 dicembre 2021 si potrà fruire dell'ecobonus, la detrazione fiscale al 65% per l'acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative (building automation).
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 04/08/2021 Aggiornato il 04/08/2021

Comoda, sicura e a risparmio energetico: sono queste le caratteristiche di una casa intelligente, ossia gestita con la domotica in cui tutto è programmabile e configurabile in scenari, attivabili anche a distanza, da remoto.

Casa domotica: le detrazioni fiscali per i dispositivi intelligenti

Una casa domotica è una casa automatizzata, che controlla e gestisce in modo automatizzato tutto ciò che accade al suo interno, garantendo a chi vi abita più sicurezza e un maggior risparmio sui consumi energetici. Fino alla fine del 2021 difatti si potrà fruire della detrazione fiscale al 65, il cosiddetto ecobonus, per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative (building automation).

La detrazione fiscale – fruibile nella denuncia dei redditi in dieci quote annuali di pari importo – spetta nella misura del 65% dell’intero importo speso e non è previsto  un limite massimo di detrazione. E’ però indispensabile che questi dispositivi multimediali siano dotati di specifiche caratteristiche. In particolare devono:

  • consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto
  • indicare, attraverso canali multimediali, i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati
  • mostrare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti.

Rientrano nell’agevolazione fiscale al 65%, oltre alla fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature (elettriche, elettroniche e meccaniche), le opere elettriche e murarie necessarie per l’installazione e la messa in funzione, all’interno degli edifici, di sistemi di “building automation” degli impianti termici degli edifici. Non sono ammissibili, invece, le spese per l’acquisto di dispositivi che permettono di interagire a distanza con le predette apparecchiature (telefoni cellulari, tablet, personal computer e dispositivi simili). La detrazione spetta anche se l’acquisto, l’installazione e la messa in opera dei dispositivi multimediali sono effettuati successivamente a un intervento di riqualificazione energetica, o anche in assenza di un intervento.

È necessario inoltre che gli edifici che, alla data d’inizio dei lavori, siano:

 – “esistenti”, ossia accatastati o con richiesta di accatastamento in corso, e in regola con il pagamento di eventuali tributi;

 – “residenziali”

– dotati di impianto di climatizzazione invernale.

Per ottenere l’ecobonus occorre pagare i lavori con bonifico (bancari o postali dedicati ai sensi della Legge 296/2006) recanti la causale del versamento, con indicazione degli estremi della norma agevolativa, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, il numero e la data della fattura e il numero di partita IVA o il codice fiscale del soggetto destinatario del singolo bonifico. Inoltre, entro 90 giorni dalla data di fine dei lavori o di collaudo delle opere deve essere inviata all’Enea esclusivamente on line la scheda descrittiva dell’intervento.

Supervisore domotico AVE per controllare ogni funzione della smart home

Supervisore domotico AVE per controllare ogni funzione della smart home

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!