Bonus bollette luce e gas: chi può averlo e come

Il bonus luce e gas è uno sconto che si può ottenere, a determinate condizioni, sulle bollette per le forniture di casa. Ecco tutte le informazioni.

Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 30/03/2023 Aggiornato il 19/02/2024
luce gas

Ridurre le spese per la fornitura di energia elettrica, di gas naturale e idrica dei nuclei familiari in condizioni di disagio economico o fisico è l’obiettivo dei bonus sociali elettrico, gas e idrico. 

Il bonus sociale luce e gas è una riduzione delle spese sulle bollette di elettricità e gas naturale e consiste nella possibilità di usufruire di uno sconto in bolletta per tutti gli utenti domestici e non domestici in condizioni economicamente svantaggiate.

Lo sconto in bolletta può essere richiesto dal cittadino/nucleo familiare che deve risultare in condizione di disagio economico. 

Bonus bollette: cosa si tratta

Il bonus sociale elettrico è uno sconto sulla bolletta, previsto dal Governo e reso operativo dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, per assicurare un risparmio sulla spesa dell’energia alle famiglie in condizione di disagio economico e fisico.

Per le forniture di energia elettrica esistono due tipologie di bonus sociale: il Bonus sociale per disagio economico e quello per disagio fisico (gravi condizioni di salute).

Chi ha diritto al bonus sociale per l’energia elettrica?

Può fruirne il cittadino/nucleo familiare che deve risultare in condizione di disagio economico come si evince all’ISEE. Inoltre uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve risultare intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o di gas naturale e/o idrica con tariffa per usi domestici (ossia la fornitura deve servire locali adibiti ad abitazioni a carattere familiare) o, per accedere al bonus sociale idrico, per uso domestico residente e attivo (ossia l’erogazione del servizio deve essere in corso) o temporaneamente sospeso per morosità.

In alternativa, uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve usufruire, in locali adibiti ad abitazioni a carattere familiare, di una fornitura condominiale (centralizzata) di gas naturale e/o idrica per uso civile e attiva.

Come deve essere l’ISEE per avere il bonus luce?

Il cittadino per avere il bonus bollette deve avere un indicatore ISEE non superiore a 9.530 euro. Nel caso di nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) l’indicatore ISEE non deve essere superiore a 20.000 euro.

Come si ottiene il bonus sociale per l’energia elettrica?

Dal 1° gennaio 2021 tutti i cittadini/nuclei familiari che presentano annualmente una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per l’accesso ad una prestazione sociale agevolata e che risultano in condizione di disagio economico, sono automaticamente ammessi al procedimento per il riconoscimento delle agevolazioni (bonus sociali elettrico, gas e idrico) agli aventi diritto.

Per attivare il procedimento di riconoscimento automatico dei bonus sociali agli aventi diritto, dunque, è necessario e sufficiente presentare la DSU ogni anno e ottenere un’attestazione di ISEE entro la soglia di accesso ai bonus, oppure risultare titolari di Reddito/Pensione di cittadinanza.

Quanto tempo ci vuole ad avere il bonus bollette?

Come regola generale, dopo la presentazione della DSU da parte del cittadino, nei casi in cui l’ISEE del nucleo familiare rientri nelle soglie di accesso al bonus, il sistema impiega di norma circa 1 mese per:

  • individuare la fornitura diretta intestata ad uno dei componenti del nucleo familiare ISEE (ove esistente);
  • effettuare le previste verifiche di ammissibilità sulla fornitura;
  • trasmettere agli operatori competenti i dati necessari per erogare il bonus in bolletta agli aventi diritto.

Il bonus deve essere applicato dagli operatori competenti nella prima fattura emessa successiva alla ricezione di tali dati. In ogni bolletta viene applicata la quota di bonus proporzionale al periodo di tempo al quale la bolletta fa riferimento. Dunque, l’effettiva applicazione del bonus in bolletta dipende dalla frequenza di fatturazione dell’operatore competente.

Quanto ammonta il bonus sociale in bolletta per il 2024?

Il valore del bonus sociale elettrico dipende dal valore dell’ISEE e dal numero di componenti del nucleo familiare indicati nella DSU. 

Per il I trimestre 2024, il Governo ha previsto l’aggiornamento del bonus ordinario e l’erogazione di un contributo straordinario, corrisposto insieme al bonus elettrico, al fine di contenere, per i clienti domestici beneficiari delle agevolazioni, gli incrementi della spesa per le forniture conseguenti alle variazioni dei prezzi.Di seguito il valore del bonus sociale elettrico per coloro che appartengono:

Di seguito i valori del bonus sociale elettrico in vigore nel I trimestre 2024, 1 gennaio – 31 marzo 2024 €/ per punto di prelievo;

Componenti famiglia

Bonus totale trimestrale

bonus totale mensile (30gg)

1-2 componenti

111,93

36,90

3-4 componenti

148,33

48,90

oltre 4 componenti

163,80

54,00

Come avere il bonus bollette in condominio

Anche cittadini/nuclei familiari in condizioni di disagio economico che vivono in condominio e che usufruiscono di forniture centralizzate (condominiali) di gas naturale e/o idriche, possono accedere ai bonus sociali.

Come avere il bonus bollette in affitto

Se i contratti di fornitura intestati al proprietario non si potrà fruire del bonus. Viceversa se l’inquilino risulta intestatario di una fornitura diretta elettrica/gas/idrica o usufruisce di una fornitura gas/idrica condominiale può fruire, se rispetta le condizioni previste dalla legge, del bonus luce e gas.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.33 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!