Agevolazione prima casa anche per un secondo acquisto: la novità 2016

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto da quest'anno la possibilità per chi ha già fruito dell'agevolazione prima casa, di goderne un'altra volta per acquistare un'altra abitazione con le stesse caratteristiche, purché alieni entro 1 anno il primo.

Dal 1° gennaio 2016 chi voglia acquistare un immobile con i requisiti prima casa, avendone già acquistato un altro con la medesima agevolazione, può fruirne ancora una volta purché il primo immobile venga alienato entro un anno dal nuovo acquisto.

La novità è stata introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 e tiene conto delle attuali esigenze del mercato immobiliare, agevolando così chi voglia acquistare un’altra casa godendo delle agevolazioni concesse dal Fisco. Quando infatti si acquista un immobile prima casa, le imposte da pagare sono più basse. Se si acquista la prima casa da un soggetto privato o da un’impresa ma senza Iva, l’imposta di registro è ridotta al 2% e le imposte ipotecaria e catastale hanno misura fissa di 50 euro. Se invece si acquista l’immobile prima casa da un’impresa e applicando l’Iva, l’aliquota Iva ridotta è al 4% e le imposte ipotecaria, catastale e di registro sono di 200 euro.
Per poter nuovamente fruire dell’agevolazione in questione per un nuovo acquisto di prima casa, il primo immobile deve essere alienato entro un anno altrimenti, se decorrono i 12 mesi senza l’alienazione, l’imposta di registro applicabile alla compravendita è quella ordinaria al 9% e in più si pagano gli interessi di mora e una sanzione amministrativa pari al 30%.

L’immobile prima casa che si intende acquistare usufruendo ancor auna volta dell’agevolazione deve essere una casa di abitazione non rientrante nelle categorie catastali A1, A8 e A9, ossia non deve essere un immobile di lusso o di pregio. Affinchè l’acquisto sia agevolato per la seconda volta occorre inoltre che l’immobile sia ubicato nel Comune in cui l’acquirente ha o stabilisca entro 18 mesi dall’acquisto la propria residenza. È nell’atto di acquisto che si deve rendere la dichiarazione di voler trasferire la residenza. Il trasferimento della residenza è una condizione molto importante e se non viene eseguito nel termine indicato – ossia i 18 mesi dal nuovo acquisto – allora l’agevolazione decade. L’agevolazione prima casa non può essere concessa per la seconda volta se l’acquirente sia ancora titolare di un’altra abitazione sita nello stesso Comune e che ha acquistato in regime ordinario, ossia senza agevolazione prima casa, oppure a titolo gratuito.

L’agevolazione prima casa spetta anche per l’acquisto – anche con atto separato – delle pertinenze dell’immobile, e in tale nozione sono comprese le unità immobiliari classificate o classificabili nelle categorie catastali C/2 (magazzini e locali di deposito), C/6 (rimesse, autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse od aperte).