730, canone Rai & Co: le scadenze fiscali di luglio

Scadenze fiscali di luglio 2017 per modello 730 precompilato, canone Rai, rottamazione delle cartelle esattoriali. Ecco le date da segnare.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 20/07/2017 Aggiornato il 20/07/2017
conto corrente

Modello 730, rottamazione, voluntary disclosure sono alcune delle scadenze fiscali previste a fine luglio. Ecco le più importanti da segnare in agenda.

Scadenze fiscali luglio 2017

Lunedì 24 luglio 2017 è l’ultimo giorno per presentare il modello 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate direttamente da parte del contribuente. Ciò significa che chi sceglie di presentare la denuncia dei redditi senza affidarsi ad un Caf o al proprio commercialista di fiducia ha tempo fino al 24 luglio per trasmettere il 730 al Fisco on line.

Per accedere al modello 730 precompilato – così chiamato perché contiene alcuni dati già in possesso del Fisco tipo i dati della Certificazione Unica come ad esempio, il reddito di lavoro dipendente o di pensione, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale, gli interessi passivi sui mutui, le spese sanitarie, quelle veterinarie – si possono utilizzare in alternativa le credenziali di accesso ai servizi dell’Agenzia delle Entrate (Fisconline), di Spid il nuovo “Sistema Pubblico dell’Identità Digitale” o ancora il pin dell’Inps.

Una volta avvenuto l’accesso, il contribuente può scegliere se accettare il 730 precompilato così com’è oppure modificarlo e inserendo dati non presenti o correggendo quelli che si ritiene errati. Dopodiché occorre procedere all’invio telematico della denuncia dei redditi. Il contribuente può anche rivolgersi al proprio sostituto di imposta che presta assistenza fiscale oppure a un Caf o un professionista abilitato, al quale deve consegnare un’apposita delega per l’accesso al 730 precompilato. Per chi invece sceglie il fai-da-te, ha tempo fino al 24 luglio per effettuare l’invio. Se dopo aver inviato il 730 ci si accorge di aver dimenticato dei dati oppure di averli inseriti in modo errato, si può presentare il modello Redditi correttivo entro il 2 ottobre 2017 (il 30 settembre è sabato), altrimenti dopo questa data si può presentare il modello Redditi integrativo.

Dopo il 730 precompilato, un’altra data importante dal punto di vista fiscale è il 31 luglio. Entro questo termine si può infatti aderire alla voluntary disclosure, la procedura che consente di sanare violazioni in materia dichiarativa e di imposte sui redditi, sostitutive, Irap e Iva. Coloro che detengono attività e beni all’estero ed hanno omesso di rilevarli ai fini del monitoraggio fiscale possono presentare il modello “Richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria” in materia fiscale volto a regolarizzare le violazioni commesse fino al 30 settembre 2016. Il modello di richiesta di accesso alla procedura va presentato esclusivamente per via telematica direttamente (se si è abilitati a Entratel o Fisconline) oppure tramite i soggetti incaricati.

Il 31 luglio è l’ultimo giorno utile anche per versare la prima o unica rata delle somme dovute a seguito di adesione alla procedura di rottamazione delle cartelle esattoriali. Chi ha cartelle pendenti aderendo alla procedura di rottamazione può pagare solo le somme iscritte a ruolo a titolo di capitale, di interessi legali e di remunerazione del servizio di riscossione. Non sono dovute dunque le sanzioni, gli interessi di mora e le sanzioni e somme aggiuntive.

Il pagamento delle somme dovute per la definizione può essere effettuato:

  • mediante domiciliazione sul conto corrente eventualmente indicato nella “dichiarazione di adesione”
  • mediante bollettini precompilati che l’agente della riscossione ha inviato
  • presso gli sportelli dell’agente della riscossione.

Infine altra scadenza è quella concernente il canone Rai. I cittadini che hanno più di 75 anni con un reddito annuo non superiore a 6.713 euro sono esonerati dal pagamento del canone tv. In tal caso occorre presentare una dichiarazione sostitutiva di richiesta di esenzione.

La richiesta, accompagnata da un documento di identità valido, deve essere compilata sull’apposito modello pubblicato sul sito internet dell’Agenzia. Chi fruisce dell’esenzione per la prima volta deve presentare la richiesta entro il 30 aprile; per coloro che intendono, invece, beneficiarne a partire dal secondo semestre, la scadenza è fissata al 31 luglio. La dichiarazione sostitutiva di esonero e l’istanza di rimborso dal pagamento del canone TV – entrambi si trovano on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate – possono essere spedite per raccomandata, senza busta, al seguente indirizzo: “Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 Sat – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 – Torino” oppure essere consegnate dall’interessato presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!