Telefonia: in arrivo la bolletta 2.0

L’AGCOM dà il via libera all’introduzione di una bolletta telefonica più semplice e chiara, da ricevere anche per posta elettronica, insieme ad altre novità per tutelare gli utenti.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/02/2015 Aggiornato il 06/02/2015
Telefonia: in arrivo la bolletta 2.0

In arrivo una nuova bolletta telefonica più chiara e trasparente, la bolletta 2.0. L’AGCOM, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ha approvato uno schema di provvedimento che prevede una nuova bolletta del telefono, da ricevere anche telematicamente, che si caratterizza per maggiore chiarezza e completezza. Sarà dovere degli operatori di telefonia rendere la bolletta che i clienti ricevono a casa, più trasparente, chiara e accessibile, con i dettagli dei singoli addebiti che dovranno essere poi raggruppati per categorie.

Cambieranno anche le modalità di invio, visto che potrà essere inoltrata per posta elettronica. Verranno inviate telematicamente anche le comunicazioni nei casi di reclami o per l’esercizio del diritto di recesso, eliminando così l’onere di dover inviare una raccomandata. Gli utenti non vedenti potranno ricevere la nuova bolletta, completa dei dettagli sugli addebiti, anche in formato audio.

Al fine di favorire il diritto di scelta degli utenti, gli operatori di telefonia avranno l’obbligo di indicare nella prima pagina ed in chiara evidenza il “Codice di trasferimento dell’utenza” (codice segreto/codice di migrazione), che è il codice da segnalare al nuovo operatore di telefonia che si sceglie, al fine di facilitare la liberalizzazione del mercato.

Infine per quanto riguarda la telefonia mobile verrà introdotto il blocco preventivo degli addebiti. In sostanza, nel caso di acquisto di contenuti digitali (suonerie, giochi, acquisti in-app, ecc.) tramite smartphone o tablet, per poter addebitare i relativi costi sul conto telefonico sarà necessario che l’utente interessato accetti tale modalità di addebito indicando il proprio numero di utenza. In questo modo si eviterà la possibilità che l’acquisto avvenga per una digitazione involontaria o inconsapevole del proprio smartphone. Così allo stesso modo chi ha aggiunto involontariamente abbonamenti a servizi premium, con una semplice telefonata o un messaggio, potrà chiederne la cessazione immediata in maniera rapida e semplice.

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!