Tasi 2015: ultimo giorno per pagare il saldo

Domani 16 dicembre 2015 è l’ultimo giorno per il pagamento della Tasi dovuta su tutti gli immobili sia dai proprietari che dagli inquilini. Ecco una breve panoramica con tutte le informazioni più importanti.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 15/12/2015 Aggiornato il 15/12/2015
Tasi 2015: ultimo giorno per pagare il saldo

In scadenza domani 16 dicembre 2015 il termine per il pagamento del saldo della tasi, il tributo comunale sui servizi indivisibili. Ecco alcune utili informazioni per effettuare correttamente il versamento considerando che dal prossimo anno, secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016, la Tasi si pagherà sull’abitazione principale solo se di lusso o di pregio (categoria catastale A1, A8 e A9).

Chi paga?

Il saldo della Tasi 2015 è dovuto su tutti gli immobili, quindi sia sull’abitazione principale che sulla seconda casa. Per abitazione principale Si intende l’unità immobiliare nella quale il possessore e i suoi familiari risiedono anagraficamente e vi dimorano abitualmente. A pagare il saldo sono i proprietari dell’immobile ma anche i detentori ossia gli inquilini. Se vi sono più proprietari o più detentori a pagare sono tutti, essendo tenuti in solido all’adempimento dell’obbligazione.

Se uno dei comproprietari non versa la sua quota, il Comune può anche rifarsi sugli altri comproprietari anche quelli che hanno già versato la loro quota. Non può invece chiedere al proprietario la quota non versata dall’inquilino (e viceversa). Proprio in riferimento agli inquilini, per sapere quanto occorre pagare di Tasi deve essere verificata sul sito del Ministero delle Finanze, cosa ha deciso in merito il proprio Comune. In alcuni infatti si è deciso di far pagare il tributo solo i proprietari, in altri invece si è deciso la percentuale di tributo n capo all’inquilino che deve essere tra il 10 e il 30% e il restante in capo al proprietario. Se il Comune invece non ha indicato la percentuale, l’inquilino deve pagare nella misura minima ossia il 10% e il restante in capo al proprietario.

Come si calcola il saldo Tasi?

In primo luogo occorre individuare la base imponibile che è data per gli immobile applicando alla rendita catastale rivalutata del 5%, i moltiplicatori previsti per ogni categoria catastale (160 per i fabbricati). Alla base imponibile poi si applicano le aliquote deliberate dal Comune di residenza che possono arrivare ad un massimo del 3,3 per mille a cui si può aggiungere un ulteriore 0,8 per mille.

Il versamento del saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno è effettuato, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata sulla base delle delibere pubblicate nel sito internet del Dipartimento delle finanze alla data del 28 ottobre 2015. Con riferimento ai Comuni per i quali, per l’anno 2015, non risulta alcuna delibera Tasi pubblicata alla data del 28 ottobre 2015, il versamento del saldo deve essere effettuato sulla base delle delibere adottate per l’anno precedente. L’importo ottenuto costituisce così il saldo da pagare entro il 16 dicembre.

Come si paga il saldo Tasi?

Il saldo deve essere versato usando il modello F24 in cui indicare i codici tributo: “3958” per abitazione principale e pertinenze; “3959” per fabbricati rurali strumentali; “3960” per aree fabbricabili e “3961” per altri fabbricati.

Si può anche pagare con bollettino postale con il numero di conto corrente 1017381649, valido indistintamente per tutti i Comuni, sul quale non è possibile effettuare il versamento tramite bonifico. Si può pagare anche online, collegandosi sul sito delle Poste (www.poste.it), in cui è attivo il servizio “Bollettino”. Accendendovi è possibile pagare però solo per chi è possessore di un conto BancoPosta, oppure con carte di credito VISA e MasterCard e la carta postepay.

È preferibile pagare con il modello F24 perché con esso è possibile compensare il debito risultante con crediti erariali o contributivi. Inoltre nel caso in cui vi siano più immobili situati in diversi Comuni occorre fare un pagamento cumulativo e quindi va usato il modello F24.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!