Riscaldamento, quando si accende? Attenzione ai tempi della manutenzione

Da martedì 15 ottobre 2013 sarà possibile accendere il riscaldamento. Ma attenzione: i tempi della revisione delle caldaie sono cambiati.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 07/10/2013 Aggiornato il 08/10/2013
Riscaldamento, quando si accende? Attenzione ai tempi della manutenzione
Radiatore Trame di Tubes

Arriva il freddo, si accendono i riscaldamenti. Nei Comuni a clima continentale del Nord Italia (corrispondenti alla Zona E), come Milano, gli impianti potranno essere accesi a partire dal 15 ottobre per 14 ore al giorno purché rientranti nella fascia oraria 5-23, per gli impianti dotati di valvole termostatiche per la contabilizzazione del calore non sono invece previsti limiti di orario. Partenza posticipata ai mesi successivi per quei Comuni che godono di climi più miti, come quelli del Centro e Sud Italia; nessuna limitazione invece per quelli della cosiddetta Zona F, la più fredda (vedi Tabella 1 riportata qui sotto). Se questi valori (periodo annuale e durata giornaliera di attivazione della climatizzazione) non subiscono variazioni sostanziali, l’articolo 4 del Dpr 74/2013 cambia invece le norme che riguardano manutenzione e sicurezza degli impianti (vedi Tabella 2). Con il decreto che regola i criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici, entrato in vigore lo scorso 3 luglio, sono stati modificati infatti i tempi di manutenzione e controllo: gli impianti a gas di potenza inferiore a 100 kw vanno revisionati anziché ogni 2 anni, come in precedenza, ogni quattro anni. La scadenza biennale si applica, invece, alle caldaie di potenza superiore ai 100 kw. Diverse le tempistiche anche per le caldaie alimentate a combustibile solido: per gli impianti sopra i 100 kw revisione ogni anno; per quelli di potenza inferiore ogni due. Gli impianti a pompa di calore, con funzione anche di raffrescamento, fino a 12 kw di potenza non hanno obblighi di ispezione; quelli tra i 12 e i 100 kw di potenza, azionati da energia elettrica, devono essere controllati ogni quattro anni, che scendono a due per potenze superiori. Un tecnico qualificato, invece, dovrà ispezionare ogni quattro anni gli impianti oltre i 12 kw azionati da motore endotermico, ogni due quelli alimentati con energia termica.

 

Tabella 1. Calendario di accensione

L’esercizio degli impianti termici per la climatizzazione invernale è consentito con i seguenti limiti relativi al periodo annuale e alla durata giornaliera di attivazione, articolata anche in due o più sezioni:
Zona A: ore 6 giornaliere dal 1° dicembre al 15 marzo
Zona B: ore 8 giornaliere dal 1° dicembre al 31 marzo
Zona C: ore 10 giornaliere dal 15 novembre al 31 marzo
Zona D: ore 12 giornaliere dal 1° novembre al 15 aprile
Zona E: ore 14 giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile
Zona F: nessuna limitazione

Tabella 2. Calendario di manutenzione 

ImpiantoAlimentazionePotenzaControlli
Con generatore
a fiamma
Combustibile liquido o solidoda 10 a 100 kwogni 2 anni
oltre 100 kwogni anno
Gasda 10 a 100 kwogni 4 anni
oltre 100 kwogni 2 anni
Con pompa
di calore
A compressione di vapore ad azionamento elettricoda 12 a 100 kwogni 4 anni
oltre 100 kwogni 2 anni
A compressione di vapore ad azionamento endotermicooltre 12 kwogni 4 anni
Ad assorbimento con energia termicaoltre 12 kwogni 2 anni

 

 

Fonti / Bibliografia

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!