Decreto fare 2013: è legge

Il testo del "decreto del fare" ha ricevuto il sì definitivo alla Camera ed è diventato legge. Torna la Segnalazione certificata di inizio attività per le modifiche delle sagome degli edifici, al via le altre semplificazioni edilizie.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/08/2013 Aggiornato il 09/08/2013
Decreto fare 2013: è legge

Via libera definitivo della Camera al dl fare. Superata la prova in Senato, il provvedimento, che intende rilanciare la ripresa economica del Paese, è stato convertito in legge. E introduce molte novità in materia di fisco, giustizia, lavori pubblici legati all’energia e in area edilizia.

In merito a quest’ambito, in particolare si segnala la possibilità di modificare la sagoma (ma non il volume degli edifici) con la Scia, la pratica Segnalazione certificata di inizio attività. Ma comunque i centri storici sono tutelati con una misura più restrittiva che obbliga i Comuni a individuare, entro il 30 giugno 2014, le aree nelle quali non è applicabile la Scia per interventi di demolizione o ricostruzione che modifichino la sagoma. Qualora i Comuni, e a titolo sostitutivo la Regione, non si attivino in tal senso, un commissario nominato dal ministro dei Trasporti adotterà la deliberazione. Scompare dalla legge, dunque, la norma più sostanziosa per gli interventi di media e grande scala, inizialmente prevista, mentre sono confermati gli altri provvedimenti che mirano a semplificare la vita del cittadino in materia edilizia, riportate all’articolo 30 del disegno di legge: dalla proroga di due anni dei permessi rilasciati, alla parziale liberalizzazione dei parcheggi pertinenziali, al certificato di agibilità anche parziale, che consente ai costruttori di vendere appartamenti singoli in edifici. Con la nuova legge, inoltre, per debiti fino a 120 mila euro Equitalia non potrà più pignorare la prima casa, a meno che non sia immobile di lusso e sarà possibile rateizzare fino a un massimo di 120 rate (prima erano 72), i debiti nei confronti del Fisco, saltando, in caso di difficoltà, il versamento di otto rate.

La legge, infine dispone l’esonero dell’obbligo di presentare il Durc, il documento unico di regolarità contributiva, in caso di lavori privati in edilizia realizzati direttamente in economia dal proprietario dell’immobile.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!