Irpef, cedolare secca & Co: scadenze del 30 novembre 2016

Irpef, cedolare secca, Ivie, ma anche Irap e Ires: ecco tutte le scadenze fiscali da versare entro il 30 novembre 2016.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/11/2016 Aggiornato il 28/11/2016
Irpef, cedolare secca & Co: scadenze del 30 novembre 2016

Appuntamento importante il 30 novembre con il versamento di una serie di acconti di imposta dovuti per il 2016. Irpef, cedolare secca, Ires e Irap: sono tante le scadenze da rispettare. Vediamo da vicino quali sono e a chi interessano.

Acconto Irpef 2016

Partendo dall’Irpef, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, chi è lavoratore dipendente avrà le trattenute direttamente in busta paga. In tutti gli altri casi si dovrà procedere a versare direttamente l’imposta. Il 30 novembre è il termine ultimo per farlo anche se non sempre si deve pagare. Per capirlo basta prendere il modello Unico Pf 2016 e leggere il rigo RN34. Se l’imposta che risulta è inferiore a 51,56 euro non si deve pagare nulla. Se invece l’imposta è tra 51,65 e 257,52 euro si dovrà pagare l’acconto. In particolare l’acconto ha misura pari al 100% e deve essere versato in una o due rate, a seconda dell’importo:

  • unico versamento, entro il 30 novembre, se l’acconto non supera 257,52 euro
  • due rate, se l’acconto è pari o superiore a 257,52 euro; la prima pari al 40% con scadenza il 16 giugno (insieme al saldo), la seconda – il restante 60% – entro il 30 novembre.

Come si paga? Per pagare l’Irpef si utilizza il modello F24 da versare presso banche o poste e anche on line tramite i servizi di home banking. L’F24 deve essere compilato in ogni sua parte e indicando i seguenti codici tributo:

  • 4001 per il versamento del saldo
  • 4033 per l’acconto prima rata
  • 4034 per l’acconto seconda rata o acconto in un’unica soluzione.

Cedolare secca

Il 30 novembre 2016 è l’ultimo giorno utile anche per i locatori che abbiano esercitato l’opzione per il regime della “cedolare secca”, per versare l’anticipo dell’imposta sostitutiva relativa alla cedolare, ossia l’imposta sui canoni derivanti dalla locazione di immobili ad uso abitativo che sostituisce l’Irpef e le relative addizionali, insieme all’imposta di registro e di bollo. Come per l’Irpef, per stabilire se l’acconto della cedolare secca sia dovuto basta leggere il rigo RB11 dell’Unico PF 2016. Se il debito risulta superiore a 52 euro, va versamento l’acconto pari al 95% dell’importo complessivo.  Anche in tal caso va utilizzato il modello F24 in cui indicare il codice tributo “1841”.

IVIE 2016

Alla scadenza del 30 novembre 2016 sono soggette anche le persone fisiche residenti in Italia che siano titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale su immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati. Si parla in tal caso dell’IVIE, l’imposta sul valore degli immobili all’estero. Entro fine mese si dovrà versare la seconda o unica rata a titolo di acconto per l’anno 2016, sempre tramite il modello F24 in cui indicare il codice tributo “4045”.

Le altre scadenze fiscali

Tra le altre scadenze del 30 novembre 2016 troviamo quelle riguardanti imprese e società quali il secondo acconto dell’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive e l’acconto Ires, l’imposta sul reddito delle società.

Tutti i versamenti, abbiamo detto, vanno effettuati con il modello F24. In merito è opportuno precisare che devono essere utilizzate le modalità telematiche direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste italiane e agenti della riscossione convenzionati) oppure tramite intermediario abilitato. I non titolari di partita Iva possono presentare l’F24 cartaceo presso banche, Poste italiane e agenti della riscossione solo quando devono versare, senza utilizzo di crediti in compensazione, somme per un importo totale pari o inferiore a 1.000 euro.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!