Detrazioni fiscali: allo studio del governo un Superbonus al 110%

Per rilanciare l'economia e l'edilizia, il governo starebbe valutando la possibilità di introdurre un superbonus al 110% per chi deve eseguire lavori di risparmio energetico e di sicurezza sismica sul proprio immobile.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 06/05/2020 Aggiornato il 06/05/2020
Detrazioni fiscali: allo studio del governo un Superbonus al 110%

Grandi novità per le detrazioni fiscali relative ai lavori di casa potrebbero arrivare con il Decreto Aprile in dirittura d’arrivo, un ulteriore provvedimento del Governo per fronteggiare le difficoltà economiche derivanti dall’emergenza sanitaria dal Coronavirus.

Superbonus al 110% in arrivo?

Secondo le prime indiscrezioni fornite da rappresentanti del governo potrebbe arrivare difatti un superbonus pari al 110%, sia per gli interventi di efficienza energetica che di adeguamento sismico.

L‘ecobonus al 50-65% così anche il sismabonus, la detrazione fiscale al 50-75-80%, a seconda dei casi, prevista per chi esegue interventi antisismici sul proprio immobile che si trovi in particolari zone a rischio in tutta Italia, passerebbero entrambi alla misura più alta, al 110%. Una svolta storica come l’ha definita il sottosegretario di Stato Riccardo Fraccaro, al fine di “rilanciare l’edilizia e imprimere una svolta epocale nelle politiche pubbliche, per far compiere all’Italia un passo da gigante nella crescita sostenibile rendendo la tutela ambientale il volano dell’economia”.

Il Superbonus potrebbe scattare dal primo luglio e durare per diciotto mesi, fino al 31 dicembre 2021, e potrebbe valere anche per il restauro delle facciate o l’installazione di impianti fotovoltaici per produrre elettricità. I nuovi incentivi si potrebbero applicare “agli interventi effettuati dai condomini, dalle persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, e dagli Istituti autonomi case popolari (Iacp)”. Secondo quanto trapela sarà possibile anche ottenere lo sconto in fattura e cedere il credito di imposta maturato a banche, assicurazioni, o alla stessa imprese che si occupa dei lavori: questi ultimi soggetti anticiperanno le somme necessarie ai lavori e incasseranno il credito di imposta dal fisco, potendo poi cederlo successivamente. 

Il Decreto potrebbe vedere la luce già questa settimana e solo allora potremo dare eventuale conferma dell’introduzione del Superbonus al 110% e ulteriori dettagli.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!