Coronavirus: dal 730 alla Certificazione Unica, le nuove scadenze fiscali per il 2020

A causa della situazione di emergenza dovuta al coronavirus, il Governo ha deciso di prorogare alcune importanti scadenze fiscali, valevoli per tutti i contribuenti su tutto il territorio nazionale.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 03/03/2020 Aggiornato il 05/03/2020
730

Slittano alcune delle più importanti scadenze fiscali 2020 per effetto dell’emergenza da coronavirus. Il governo ha dato via libera al decreto legge n. 9/2020 recante “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori, imprese e turismo a causa dell’emergenza epidemiologica da covid-19”.

Nuove scadenze fiscali 2020

Oltre ad alcune misure specifiche per i contribuenti che risiedono nei Comuni indicati come “zone rosse” a seguito della diffusione del virus, il decreto contiene altre che si applicano a tutti i contribuenti sull’intero territorio nazionale.

730/2020

In primo luogo il modello 730, la denuncia dei redditi dei lavoratori dipendenti la cui presentazione slitta di qualche mese, da luglio al 30 settembre 2020. La nuova scadenza a settembre era stata già decisa dal governo ma doveva entrare in vigore dal 2021 ma ora l’emergenza ha fatto anticipare la novità a quest’anno.
Ciò non preclude la possibilità di presentare la denuncia dei redditi prima. Così chi presenterà il 730 entro il 30 giugno, otterrà i rimborsi a credito oppure pagherà se a debito, nella busta paga o nel cedolino della pensione entro luglio. Chi invece lo presenterà più tardi, vedrà slittare l’erogazione o il pagamento di un paio di mesi

Chi presenterà il 730 entro il 30 giugno, otterrà i rimborsi a credito oppure pagherà se a debito, nella busta paga o nel cedolino della pensione entro luglio. Chi invece lo presenterà più tardi, vedrà slittare l’erogazione o il pagamento di un paio di mesi.

Con lo slittamento dei termini per la presentazione del modello 730 ordinario, cambiano anche i termini per poter accedere al 730 precompilato – così chiamato perché esso contiene una serie di informazioni già conosciute al Fisco – non più dal 15 aprile come per gli altri anni ma dal 5 maggio.

Certificazione Unica

Nuova scadenza anche per la consegna e trasmissione della Certificazione Unica, l’ex modello CUD da parte dei datori di lavori ai dipendenti che slitta al 31 marzo prossimo. I sostituti d’imposta, cioè i datori di lavoro, avranno, infatti, tutto il mese di marzo per inoltrare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate e per consegnarla al lavoratore dipendente. Si ricorda che la Certificazione Unica è usata dai sostituti di imposta, come il datore di lavoro, per attestare sia i redditi di lavoro dipendente e assimilati, finora riportati nel CUD, sia altri redditi (per esempio quelli di lavoro autonomo e “redditi diversi”), ad oggi certificati in forma libera.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!