Una casa efficiente, desiderio del 95% degli italiani

Che sia da acquistare o affittare non fa differenza, l’importante è che la casa sia efficiente dal punto di vista energetico perché salva l’ambiente e il portafoglio.

Alma Dainesi
A cura di Alma Dainesi
Pubblicato il 27/02/2022 Aggiornato il 27/02/2022
casa efficiente attestato-prestazione-energetica.png

Risparmiare energia è l’obiettivo degli italiani anche per quanto riguarda la casa. È quanto emerge dal sondaggio commissionato a YouGov dalla European Climate Foundation sulla base di interviste a persone con l’intenzione, nei prossimi 5 anni, di acquistare o affittare un immobile.

Il risultato è che per la maggior parte degli intervistati (il 95%) sarebbe importante orientare la scelta della casa da acquistare o affittare su immobili efficienti dal punto di vista energetico. Il problema è che per il 65% dei coinvolti il mercato immobiliare non è attualmente in grado di soddisfare tale richiesta.

Quali sono le motivazioni alla base della preferenza verso la casa efficiente?

Gli intervistati rispondono così:

  • per il 44% avere una casa ad alta efficienza energetica si traduce in un vantaggio per l’ambiente;
  • per il 43%  l’efficienza energetica degli immobili comporta la riduzione delle bollette energetiche.

L’85% degli intervistati inoltre si dichiara favorevole a una politica che richiede che tutte le nuove abitazioni siano ad alta efficienza energetica e con sistemi di riscaldamento puliti (cioè non alimentati da combustibili fossili o biomasse non sostenibili).

Il 72% dichiara di essere a favore di una politica che introduca standard minimi di prestazione energetica per gli edifici. Questo perché:

  • alcuni (il 66%) pensano che tale politica aiuterà a combattere il cambiamento climatico;
  • altri (il 61%) per arginare  possibili rincari in bolletta.

A favore degli Attestati di Prestazione Energetica

L’utilità di tali documenti, che sintetizzano la prestazione energetica di un immobile, è sostenuta dall’88% dei partecipanti al sondaggio. Si tratta però di uno dei pochi documenti disponibili, dato che il 54% degli intervistati ritiene di avere a disposizione scarse informazioni sull’efficienza energetica degli edifici.

Nuova Direttiva Ue sull’efficienza energetica degli edifici

Il sondaggio è stato reso noto dopo poche settimane dalla presentazione della nuova Direttiva Ue sull’efficienza energetica degli edifici. Il Parlamento europeo e i governi nazionali dell’Ue inizieranno presto i negoziati sul testo prima che diventi legge.
Questa comporterebbe:

  • l’introduzione di nuovi standard minimi di prestazione energetica a livello dell’Ue, con la conseguente riqualificazione gli edifici con i maggiori consumi energetici (in classe energetica F e G) entro il 2033;
  • la proposta che dal 2030 tutti i nuovi edifici siano a emissioni zero, cioè essere alimentati da fonti rinnovabili e consumare poca energia;
  • lo stop a incentivi per le caldaie a gas dal 2027 e l’eliminazione dei combustibili fossili nel riscaldamento entro il 2040.

Fonti / Bibliografia

  • European Climate FoundationThe ECF is dedicated to responding to the global climate crisis by creating a net-zero greenhouse gas emissions society.
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!