Un giro in Triennale per il Fuorisalone 2022

Anche per la Milano Design Week 2022 Triennale Milano si conferma una location interessantissima, con mostre allestite proprio per il Fuorisalone 2022. E dal 17 maggio è tornata la programmazione di Triennale Estate.

Alma Dainesi
A cura di Alma Dainesi
Pubblicato il 07/06/2022 Aggiornato il 09/06/2022
Un giro in Triennale per il Fuorisalone 2022

Triennale Milano è una vera istituzione per gli amanti del design e dell’architettura, e il Fuorisalone è un’ottima occasione per visitarla perché le sue collezioni permanenti, come il Museo del Design, si arricchiscono di nuovi allestimenti e vi saranno presentati prodotti delle più importanti firme del design e dell’architettura in collaborazione con istituzioni e aziende. Inoltre sono allestite mostre pensate proprio per l’occasione e l’orario di ingresso è prolungato.

Progetto centrale della Milano Design Week in Triennale è la mostra Memphis Again. Le altre mostre presentate negli spazi del Palazzo dell’Arte per la Milano Design Week 2022 offrono un approfondimento di  temi centrali del dibattito contemporaneo, come la sostenibilità ambientale e lo sviluppo consapevole in relazione alla scarsità di materiali – raccontati attraverso le esposizioni Forest Tales, promossa da American Hardwood Export Council (AHEC), Gilberto Colombo Centenary-Gilco 100 Road Bike, The Twist: Cultural and Emotional Crossings di KOYORI – e il design dei servizi su scala urbana, al centro del progetto The Tokyo Toilet, realizzato dal collettivo di artisti giapponese SKWAT. Le mostre in a box, dedicata alla produzione del designer austriaco Arthur Arbesser, Driade on Stage e CACTUSRAMA restituiscono un’idea di abitare che interpreta le tendenze del costume con una messa in scena spettacolare. Inventory of Life del designer francese Mathieu Lehanneur propone invece una rappresentazione di fenomeni sociali attraverso dati e installazioni.

Memphis Again  a Triennale Milano nella settimana del Fuorisalone 2022

In realtà la mostra – organizzata da Triennale Milano e Memphis Milano e diretta da Christoph Radl – è visibile già a partire dal 18 maggio. Sono esposti oltre duecento tra mobili e oggetti (librerie, divisori, vetrine, toilette, tavoli, tavolini, scrittoi, sedie, poltrone, divani letto, lampade, posaceneri, vasi per fiori, contenitori per frutta, accessori tessili, tappeti, nei materiali più diversi, legni, plastiche, laminati, vetri, ceramiche, porcellane, argenti, acciaio, tessuti) realizzati tra il 1981 e il 1986 per la collezione Memphis.

IMG © Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta - DSL Studio_DSC9510-Modifica

© Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta DSL Studio

L’allestimento degli oggetti è in ordine cronologico, lo spazio è quello  della Curva di Triennale, lunga oltre cento metri: il risultato è una sfilata, dove è lo spettatore a muoversi lungo la passerella in un’atmosfera da night club suggerita dall’allestimento e dalla colonna sonora di Seth Troxler. Alle pareti sono proiettate frasi di protagonisti, critici, architetti e designer.

IMG-©-Delfino-Sisto-Legnani-e-Alessandro-Saletta-DSL-Studio_DSC9524-Modifica

© Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta DSL Studio

Scopo della mostra riproporre l’attenzione sulle possibilità espressive e culturali di un design oltre il marketing. Memphis era nata come proposta di aggiornamento del linguaggio del design e dell’architettura, alternativa a un design immaginato per risolvere problemi funzionali industriali, sottolineando invece anche l’aspetto psicologico emotivo del problema e della disciplina. Ogni designer, per esempio, era libero di disegnare quello che voleva, senza alcuna restrizione. Più tardi, quando poi da necessità culturale è diventata, come previsto, “progetti e prototipi”, è nata la società per distribuire e vendere.

© Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta DSL Studio

© Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta DSL Studio

L’importanza di Memphis per il mondo del progetto è evidenziata anche nel Museo del Design Italiano di Triennale, il cui percorso espositivo si conclude proprio con il 1981 e propone uno speciale focus che mette in luce come questo movimento culturale abbia dato l’avvio a una nuova era nella produzione del design.
Biglietto intero € 12 / Ridotto € 10

 

In a box in Triennale per il Fuorisalone 2022

Arthur Arbesser, fashion e costume designer di origini viennesi, dopo aver lavorato per Abet Laminati, presenta un progetto di furniture design tutto suo. Il punto di partenza è la geometria pulita di una scatola con i suoi angoli netti. Le dimensioni dei mobili sono volutamente fuori scala, pensati per essere piccole sculture con un approccio più artistico che pratico. Le stampe  creano dei giochi tridimensionali sulle linee precise degli oggetti: una sedia, un coffee-table e un set di tre contenitori componibili. Saranno anche in mostra i nuovi tessili stampati di tableware della collezione Arthur Arbesser Casa.
Ingresso libero

 

Driade On Stage alla Milano Design Week 2022

Con la direzione artistica di Fabio Novembre, Driade punta ad avvicinarsi ai fenomeni emergenti legati al mondo pop integrandoli al suo approccio trasversale che, da sempre, ha visto coinvolti artisti, designer e architetti. Driade è “on Stage” nel Triennale Milano Teatro, il luogo perfetto per ospitare un’operazione di contaminazione tra il mondo del design e quello dell’intrattenimento e dell’arte.
Ingresso libero

2_DRIADE_KEYVISUAL_NOINFO

 

Forest Tales in Triennale per il Fuorisalone 2022

Una collezione di oggetti di design concepiti durante la pandemia e realizzati con tre legni di latifoglia, sostenibili e provenienti dalle foreste americane. La questione di un cambiamento di prospettiva è parte integrante sia della forma che del contenuto dell’installazione: Forest Tales di American Hardwood Export Council (AHEC) non è solo una vetrina di creatività, ma un manifesto contro lo spreco nel design. La mostra, con l’allestimento di Studio Swine, presenta opere di designer contemporanei, sia affermati che emergenti – tra cui Thomas Heatherwick, Jaime Hayon, Maria Jeglinska-Adamczewska, Maria Bruun e Mac Collins –, in un’installazione che incoraggia i visitatori a esplorare questi materiali sostenibili e a riflettere sulla relazione tra le foreste e gli oggetti del nostro quotidiano. Saranno inoltre esposti quattro tavoli in legno massello vincitori del concorso A seat at a table, promosso da AHEC e RIVA 1920, con l’obiettivo di offrire ai talenti emergenti del design italiano una piattaforma per esporre le loro idee.
Ingresso libero

AHEC_Forest-Tales_Stem-016_by-Thomas-Heatherwick

 

The Tokyo Toilet per la Milano Design Week 2022

L’installazione mostra le tredici planimetrie dei bagni pubblici che fanno parte del progetto The Tokyo Toilet (in scala 1:11). Supportato da DUDE, un network creativo e produttivo indipendente di Milano, il collettivo di artisti giapponese SKWAT, collabora con l’artista giapponese Daido Moriyama e il graphic designer Satoshi Machiguchi, per presentare alla città di Milano il progetto The Tokyo Toilet. A completare l’installazione alcuni scatti del fotografo giapponese Daido Moriyama, che documentano la trasformazione WC di Tokyo da comuni bagni pubblici a spazi d’arte alternativi, sotto forma di un libro fotografico e di una speciale carta igienica.
Ingresso libero

Tokyo Toilet HigashiToilet_08_foto_ Satoshi Nagare

Tokyo Toilet HigashiToilet, foto Satoshi Nagare

 

Gilberto Colombo Centenary – Gilco 100 Road Bike al Fuorisalone 2022

Per celebrare il centenario della nascita di Gilberto Colombo è nata l’idea di progettare una bicicletta da strada utilizzando l’ultima innovazione di Colombo in fatto di tubi. Il risultato è la creazione di Fabrice Domercq e Jasper Morrison, con soluzioni tecniche innovative: il sistema costruttivo prevede un a telaio incollato, per non lasciare nulla di visibile oltre ai tubi di Colombo. La bicicletta è completata da un gruppo Campagnolo Record e da una sella Super Leggera di Selle Italia della stessa epoca in cui sono stati ideati i tubi. A cura di Gilco, Marco Colombo e Serena Omodeo.
Ingresso libero

Gilco-06

 

 

 

CACTUSRAMA di Gufran per la Milano Design Week 2022

Gufram celebra il cinquantesimo anniversario di uno dei suoi pezzi più iconici con CACTUSRAMA, una mostra dedicata che include dodici edizioni del CACTUS® e che presenta per la prima volta la nuova collaborazione con The Andy Warhol Foundation for Visual Arts. Un viaggio attraverso le diverse personalità di questa scultura domestica, con una vista a 360° dello spirito anticonformista che ha ispirato innumerevoli creativi degli ultimi decenni. 
Ingresso libero

GUFRAM_CACTUS_04

 

The Twist: Cultural and Emotional Crossings al Fuorisalone 2022

KOYORI è un nuovo brand di design del gruppo Maruni che incarna una distinta estetica giapponese. Il nome fa riferimento ai cordoncini di carta impiegati nella tecnica decorativa tradizionale del Mizuhiki. Nata dalla collaborazione tra alcune aziende manifatturiere giapponesi , KOYORI sposa la propria eredità nipponica con un’essenza tutta europea, considerati i solidi legami con Enzo Mari e le connessioni con il designer inglese Jasper Morrison, Brand Directing Advisor, e con Sebastian Fehr. In Triennale viene esposta la prima collezione del brand composta da cinque sedute: le poltroncine Kawara, Musubi e la sedia Shaku disegnate dai fratelli Ronan & Erwan Bouroullec, e la poltroncina Miau e la sedia Edaha disegnate dalla coppia italo-danese GamFratesi. 
Ingresso libero

koyori GamFratesi_Edaha_Chair_P02

GamFratesi, Edaha Chair

 

Inventory of Life in Triennale per il Fuorisalone 2022

Mathieu Lehanneur, celebre designer francese, presenta una serie di quattro installazioni basate sulla raccolta di dati scientifici e statistiche che documentano lo stato della popolazione mondiale e le conseguenze dei suoi comportamenti sulla Terra, ricordandoci che il futuro è invece tutto nelle nostre mani. Toccando temi come l’evoluzione delle popolazioni di oltre 150 Paesi (State of the World), lo stato attuale delle acque del nostro pianeta (50 Seas and How deep is Time) e la connessione tra il nostro desiderio di vivere e di agire (Live/Leave), Lehanneur cattura un fermo immagine della società contemporanea e traccia un ritratto dell’umanità. Il progetto è basato su report ONU e OMS e su foto satellitari. 
Ingresso libero

 

Incontri, lecture e proiezioni per il Fuorisalone 2022 in Triennale

I protagonisti del mondo della progettazione sono al centro di incontri, lecture e proiezioni. Il 9 giugno in Triennale si tiene inoltre il side event del festival New European Bauhaus, promosso dalla Commissione europea a Bruxelles e di cui Triennale Milano è partner. L’incontro sarà intitolato Le tesi di Milano e verterà su temi della bellezza, della sostenibilità e dell’inclusione.

Al di fuori del Palazzo dell’Arte, sempre in occasione della Milano Design Week, Triennale inaugura Il padiglione del vetro, terza mostra di design all’interno dell’Aerostazione di Milano Linate, che presenta una selezione di oggetti della sua collezione permanente.

Altre due mostre da vedere in  Triennale durante la Milano Design Week 2022

Sono prorogate fino al 12 giugno 2022 anche altre due mostre: Raymond Depardon. La vita moderna e Ettore Sottsass. Struttura e colore. La prima è una mostra fotografica che attraversa l’opera dell’artista, fotografo e regista francese Raymond Depardon, membro dell’agenzia Magnum. Le 300 opere in mostra permettono di esplorare realtà diverse, dalle comunità rurali francesi alla New York anni Ottanta,  dalle periferie urbane di Glasgow agli ospedali psichiatrici italiani negli anni Settanta. Ettore Sottsass. Struttura e colore riprende il titolo di un articolo del 1954 di Sottsass ed è a corollario della mostra permanente dedicata a Casa Lana.

Triennale Estate anche per il Fuorisalone 2022

Dal 17 maggio 2022, torna anche Triennale Estate, un palinsesto che prevede cinque mesi di programmazione nel giardino di Triennale, un calendario di oltre 130 eventi pomeridiani e serali: incontri, lecture, festival, proiezioni, spettacoli, concerti, DJ set, performance, laboratori per bambini e tante altre attività.

RF2A0876-Triennale-Milano-©-foto-Gianluca-Di-Ioia

©Gianluca Di Ioia

I contenuti spaziano dal design all’architettura, dall’arte contemporanea alle performing arts alla fotografia, per arrivare all’importante appuntamento con la 23a Esposizione Internazionale, dal titolo Unknown Unknowns. Sono inoltre previsti momenti di approfondimento su tematiche quali green, sostenibilità e inclusività. Verrà indagato il rapporto tra suono e immagine in movimento, declinato in differenti momenti, di proiezione e performativi, come anche il rapporto tra la filosofia e le discipline di Triennale.

 

Triennale Milano al Fuorisalone 2022 in sintesi

  • Dove: Triennale Milano, viale Alemagna 6, www.triennale.org
  • Quando: fino al 12 giugno per le mostre e fino a fine settembre per la programmazione estiva
  • Orari speciali Triennale Milano
    Da venerdì 3 giugno a domenica 12 giugno: apertura prolungata delle mostre: 11-21 (ultimo ingresso alle 20); lunedì 6 giugno Triennale resterà aperta al pubblico
  • ©Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta
  • © Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta DSL Studio
  • © Delfino Sisto Legnani e Alessandro Saletta DSL Studio
  • ©Gianluca Di Ioia
  • 2_DRIADE_KEYVISUAL_NOINFO
  • Tokyo Toilet HigashiToilet, foto Satoshi Nagare
  • Gilco-06
  • GUFRAM_CACTUS_04
  • AHEC_Forest-Tales_Stem-016_by-Thomas-Heatherwick
  • GamFratesi, Edaha Chair

 

Altre location del Fuorisalone 2022

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!