Torino Design of the City: in programma la rassegna internazionale in cui si riscopre la dimensione umana della città attraverso il design

Fino al 31 ottobre Torino diventa palcoscenico della rassega internazionale Torino Design of the City con un ricco programma di eventi, incontri, laboratori, mostre e festival, in presenza e online, rivolti a creativi, policy maker e cittadini.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 20/09/2021 Aggiornato il 20/09/2021
Torino Design of the City: in programma la rassegna internazionale in cui si riscopre la dimensione umana della città attraverso il design

Da metà settembre e fino alla fine di ottobre Torino diventa il palcoscenico di Design of the City, la quinta edizione della rassegna internazionale, con protagonisti il mondo della cultura di progetto e dell’innovazione.

Fino al 31 ottobre, la Città della Mole diventa il punto di ritrovo di creativi, policy maker e cittadini impegnati in un confronto partecipato e multidisciplinare sull’apporto fondamentale del design come fattore di crescita sociale, economica e culturale e strumento per riscoprire la dimensione umana delle città e nelle città. 

Le iniziative del Torino Design of the City

Il calendario di Torino Design of the City raccoglie anche quest’anno decine di eventi organizzati e promossi dagli Enti che lavorano sul Design e aderiscono al Tavolo Consultivo. Di seguito una selezione degli appuntamenti più interessanti che coinvolgeranno la città:

  • Graphic Days Touch: fino al 26 settembre al Toolbox Coworking (Via Agostino da Montefeltro 2) si tiene la sesta edizione del festival internazionale di visual design che affronta il tema della riconnessione tra i sensi nella comunicazione visiva. Il programma prevede esposizioni, performance e attività esperienziali all’interno dello spazio di Toolbox Coworking e iniziative diffuse sul territorio cittadino. In mostra, i progetti visivi realizzati da illustratori e giovani designer, manifesti dedicati a temi sociali all’interno del contest Posterheroes, un approfondimento sul social design e un focus dedicato all’Ucraina, Paese ospite della sesta edizione. Il 25 e il 26 si svolge una mostra-mercato all’aperto con le opere di artigiani e artisti.
  • Humanizing Technology: fino al 30 settembre al Circolo del Design (Via San Francesco da Paola 17). L’umanizzazione della tecnologia è la grande sfida che il progresso tecnologico sta affrontando dal punto di vista etico, economico, sociale e ambientale: sfida resa particolarmente evidente dalla situazione pandemica, con la sua imposta accelerazione digitale, le sue limitazioni fisiche e di conseguenza le nostre rinnovate abitudini di consumo, di relazione e di fruizione di servizi. Che percorsi compiono i nostri dati online? Quale spazio stanno assumendo nelle nostre vite i luoghi virtuali che abitiamo? Quanto mediamo le nostre emozioni tramite i device? Quanto le tecnologie possono rappresentare lo strumento di progetto a favore del pianeta? E ancora, cosa può fare il design?
  • Obiettivo: fino al 31 ottobre, installazione a Palazzo Barolo del  primo oggetto datapoietico, una lampada che non si spegnerà mai finché la povertà estrema nel mondo non scenderà sotto la soglia di 500 mila persone, alimentata da dati provenienti da istituzionali globali, l’intensa luce rossa pulsante di Obiettivo è un allarme acceso sulla giustizia sociale che ci mantiene svegli e consapevoli
  • Torino Mobility Living Lab: fino al 30 ottobre nel quartiere San Salvario, una parte di città a forte densità abitativa, con la presenza di un significativo mix di funzioni a scala urbana che variano per impatto e utenza nell’arco delle 24 ore. “Torino Mobility Lab”, promosso dagli Assessorati Viabilità, Trasporti e Infrastrutture ed Istruzione ed Edilizia Scolastica, è stato ideato e sviluppato da un’unità di progetto della Città di Torino composta da tecnici ed esperti dell’Area Mobilità e del Laboratorio Città Sostenibile di ITER (Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile), con la collaborazione del Politecnico di Milano (Dipartimento di Architettura e Studi Urbani), del gestore del Bike Sharing “Tobike”, di  Grandi Stazioni SpA e dell’ATI coordinata dall’Agenzia di Sviluppo Locale di San Salvario.
  • Expocasa: dal 25 settembre al 3 ottobre all’Oval Lingotto Fiere in via Giacomo Mattè Trucco 70, è uno dei più importanti Saloni di Arredamento e Interior Design, un evento che da oltre 50 anni raccoglie le migliori proposte di arredamento nell’offerta espositiva più ampia del Piemonte. Il Salone, in passato come oggi, presenta al suo affezionato pubblico le migliori e più innovative proposte di arredo e soluzioni per gli spazi domestici, in particolare in questo periodo che cambia il modo di vivere la casa, rendendola un luogo sempre più personale e multifunzionale. Sulla scia del successo ottenuto a settembre 2020, Expocasa 2021 si terrà nuovamente in autunno, con aree originali e mostre tematiche che amplieranno ulteriormente la proposta espositiva e un calendario di eventi interessante ed attuale per coinvolgere ancora più attivamente i visitatori della manifestazione.
  • Utopian Hours: dall’8 al 10 ottobre a La Centrale Nuvola Lavazza (Via Ancona 11/a) con tema “The 1000-minute city (the city is everywhere)”.  Il festival internazionale di city making, organizzato da Torino Stratosferica, torna con un programma di tre giorni denso di contributi e ospiti di altissimo profilo. L’evento racconta il meglio del “fare città”, raccogliendo best practice internazionali, tra sfide visionarie, ambiziosi progetti, innovazione sociale e tecnologica. Le ore utopiche danno voce alle idee e ai protagonisti delle più interessanti novità urbane: policy maker, attivisti, imprenditori e innovatori condividono la propria esperienza, stimolando nuove visioni sul futuro e sul concetto stesso di “città”.
  • Alla scoperta dei Compassi d’oro piemontesi: 30 ottobre presso La Centrale Nuvola Lavazza (Via Ancona 11/a), l’incontro, in linea con le iniziative del neonato ADI Museum di Milano, nasce con l’obiettivo di raccontare le idee, la ricerca e lo sviluppo teorico/pratico dei progetti che hanno portato alla realizzazione dei prodotti d’eccellenza piemontesi vincitori del Premio Compasso d’Oro. I prestigiosi progetti, raccontati in prima persona dai designer e dalle aziende vincitrici, svelano quanto di più prezioso sia racchiuso in un processo creativo di progettazione, insignito di un premio illustre: passione, curiosità e creatività che si concretizzano in sperimentazioni di nuovi materiali, tecnologie e processi… fino al prodotto finito. Incontri che, come nuove chiavi, aprono le porte al backstage delle eccellenze del design piemontese, attraverso le voci dell’esperienza e della passione di progettisti di fama internazionali e delle aziende che le hanno rese tali.

Tutti gli appuntamenti e gli approfondimenti sono consultabili sul sito www.torinodesigncity.it.