Riqualificazione urbana: da luoghi abbandonati a giardini pubblici, “The Heart of Eboli”

"The Heart of Eboli" si svolgerà dal 1 al 3 giugno 2018 ad Eboli: la riqualificazione urbana di 6 aree del centro storico con interventi verdi che saranno giudicati da una giuria di esperti.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 29/05/2018 Aggiornato il 05/08/2018
Riqualificazione urbana: da luoghi abbandonati a giardini pubblici, “The Heart of Eboli”

Dal 1 al 3 giugno 2018 all’interno della suggestiva cornice del centro storico di Eboli si tiene la manifestazione “The Heart of Eboli_Green to feel Good“.

Professionisti di respiro internazionale sono chiamati a realizzare la mission della kermesse ossia riconvertire aree urbane abbandonate in spazi pubblici belli da vedere e da vivere, destinati all’aggregazione sociale e al turismo responsabile. Un vero e proprio contest che nasce da un’idea dell’architetto Sabrina Masala con i colleghi Emilia Abate, Mariagrazia Castiello, Francesco Rotondale, nell’ambito del laboratorio di rigenerazione urbana Radicity che fa della sostenibilità ambientale il proprio punto di forza. Radicity vuole gettare semi sul territorio italiano invitando i cittadini a prendersene cura affinché germoglino innestando processi virtuosi che coinvolgano le comunità urbane stimolandole a intraprendere un cammino di consapevolezza e senso di responsabilità nei confronti dei luoghi che abitiamo e delle persone con cui li condividiamo.

I professionisti si occuperanno di altrettante aree del centro storico di Eboli riqualificandole con interventi verdi che saranno giudicati da una giuria di esperti che premierà il vincitore il 3 giugno 2018, a cui verrà corrisposto un premio in denaro. I sei giardini arricchiranno il percorso all’interno del centro storico di Eboli. La manutenzione successiva dei giardini realizzati sarà affidata a privati ed associazioni tramite convenzione col Comune di Eboli, partner dell’iniziativa. Durante le giornate della realizzazione degli interventi oltre ai cantieri si svolge anche una serie di iniziative legate ai temi della sostenibilità ambientale: conferenze, incontri, dibattiti, attività varie che faranno confluire sul territorio le migliori energie in circolazione. 

Nella gallery i progetti realizzati la scorsa edizione

  • "Cedi la strada agli alberi" dell'architetto Antonio Perazzi al Museo Archeologico Nazionale
  • 1° classificato 2017 "Finestre di Mediterraneo" di Cristina Mazzucchelli a Largo Marcangione
  • "Giardino fluido" degli architetti De Biase e Nave a via Giudice
  • "Pareti di sospensione" dell'architetto Paola Tassetti a piazza San Nicola
  • "Pensiero" dell'architetto Massimo Semola al Castello Colonna
  • "Verderame" di Studio OSA a piazza S. Giacomo
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!
Tags:eboli