Rifiuti elettronici: nel 2021 gestiti per 288 mila tonnellate ma crescono i flussi illegali

Nel 2021 si è registrata una diminuzione di 1,7 milioni di tonnellate di Co2 emesse in atmosfera, grazie alla corretta gestione di 288.000 tonnellate di e-waste. Aumentano però parallelamente i flussi illegali da parte del "mercato parallelo", attratto dal notevole innalzamento del valore delle materie prime e favorito dagli scarsi controlli lungo la filiera.
Stefania Lobosco
A cura di Stefania Lobosco
Pubblicato il 29/01/2022 Aggiornato il 29/01/2022
RAEE rifiuti elettronici gestiti nel 2021

Nel 2021 sono state gestite 288.000 tonnellate di e-waste (rifiuti elettronici), in diminuzione rispetto al 2020 (302.266 tonnellate). Il calo è stato certamente determinato da due fattori: se da un lato, è fortemente calata la quantità di batterie al piombo, a causa della forte competizione commerciale che caratterizza questo settore; dall’altro, i RAEE domestici hanno fatto registrare un tasso di crescita inferiore a quello degli scorsi anni. Sono cresciuti, infatti, i flussi illegali di RAEE per via dell’aumento del valore delle materie prime (+60 % annuo per il ferro).

Erion, Sistema multi-consortile per la gestione dei rifiuti associati ai prodotti elettrici ed elettronici, ha gestito nel 2021 circa 264.000 tonnellate di RAEE domestici, una quantità pari al peso di 800 aerei Airbus A380, in aumento solo dell’uno per cento rispetto al 2020. Lo straordinario incremento del valore delle materie prime ha, infatti, suscitato un crescente interesse per i RAEE da parte del “mercato parallelo”, cioè di quei soggetti che cercano di massimizzare i propri profitti estraendo dai RAEE le materie più facili senza curarsi dell’impatto ambientale del trattamento.

Questo fenomeno ha determinato una contrazione delle quantità gestite da Erion WEEE rispetto all’anno precedente nei Raggruppamenti R1 (freddo e clima; oltre 78.000 tonnellate avviate al trattamento nel 2021) e R4 (piccoli elettrodomestici e informatica: più di 23.000 tonnellate). Sostanzialmente stabile invece il Raggruppamento R2 (altri grandi elettrodomestici: quasi 114.000 tonnellate), mentre R3 (Tv e Monitor) per effetto del “bonus rottamazione TV” ha registrato – con oltre 49.000 tonnellate – un incremento dell’11% rispetto al 2020. Infine, nel Raggruppamento R5 (sorgenti luminose) nel 2021 Erion WEEE ha gestito 180 tonnellate. Erion ha gestito anche 1.300 tonnellate di RAEE Professionali e circa 23.000 tonnellate di Rifiuti di Pile e Accumulatori.

I risultati 2021 evidenziano ancora una volta che il fenomeno dei flussi paralleli, non contrastato da adeguati controlli, impedisce all’Italia di raggiungere il target di raccolta fissato dall’Unione Europeaha dichiarato Giorgio Arienti, Direttore Generale di Erion WEEE. “Nel 2021 Erion, insieme ai propri stakeholder, ha elaborato una serie di proposte concrete per il miglioramento della normativa sui RAEE, da sottoporre agli interlocutori istituzionali. Continueremo questo lavoro anche nel 2022, mettendo a disposizione l’esperienza maturata in questi anni affinché il Sistema RAEE italiano – che già è considerato una best practice a livello europeo per il modello organizzativo – possa fare significativi passi avanti anche dal punto di vista quantitativo.”

Le tonnellate di ferro riciclate nel 2021 sono pari al peso di 294 treni Freccia Rossa

Il tasso di riciclo delle Materie Prime Seconde è stato pari al 90% del peso dei RAEE. In dettaglio, dalle oltre 264.000 tonnellate di RAEE Domestici gestiti, Erion WEEE ha ricavato più di 130.000 tonnellate di ferro, pari al peso di 294 treni Freccia Rossa; circa 5.000 tonnellate di alluminio, pari a 2 milioni di pentole da 28 cm di diametro; più di 6.000 tonnellate di rame, pari a 67 volte il peso del rivestimento della Statua della Libertà e, infine, oltre 34.000 tonnellate di plastica, pari a 13 milioni di sedie da giardino.

Il corretto trattamento di questa tipologia di rifiuti ha permesso, inoltre, di risparmiare oltre 420 milioni di kWh, pari ai consumi domestici annui di una città come Bologna (395.000 abitanti) e di evitare l’immissione in atmosfera di circa 1,7 milioni di tonnellate di anidride carbonica, come la quantità di CO2 che verrebbe assorbita in un anno da un bosco di 1.700 kmq (esteso quanto la provincia di Lucca).

Nella tabella qui sotto sono riportate le quantità di RAEE Domestici gestite da Erion WEEE in ciascuna regione italiana:
 
RAEE rifiuti elettronici gestiti per Regione 2021

Dati Erion della gestione rifiuti elettronici 2021 per Regione. www.erion.it

 
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!