Sicurezza in casa: il vademecum inizia con una porta sicura

Rispetto a dieci anni fa, le denunce per furto sono quasi duplicate, anche se va detto che nell'ultimo anno si è registrato un lievo calo. L’utilizzo di serramenti anti-effrazione riduce del 25% la probabilità di subire un furto. Ecco una miniguida per la sicurezza in casa a cura di FederlegnoArredo, col patrocinio del Ministero dell’Interno.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/07/2016 Aggiornato il 19/07/2016
Sicurezza in casa: il vademecum inizia con una porta sicura

Bastano alcune semplici regole per “abitare sicuri”. La prima riguarda certamente la porta di ingresso. Linea di confine tra la casa e l’esterno, deve offrire garanzia contro le intrusioni. Seppure nell’ultimo anno si sia registrato un lieve calo dei furti in abitazione denunciati in Italia (-8,7%, fonte: Ministero dell’Interno), il numero di denunce per questo reato è quasi duplicato rispetto a dieci anni fa (+94% dal 2005 al 2015). Installare una porta blindata è il primo passo per tutelarsi da aggressioni esterne.

Negli ultimi dieci anni si è ridotto il numero di reati contro banche, uffici postali e automobili grazie a sistemi di sicurezza in grado di scoraggiare chi vuole commettere il reato. La stessa cosa dovrebbe avvenire per le abitazioni private, intervenendo sulle cause che le rendono più facili da colpire. Per questo motivo anche semplici accorgimenti o attenzioni possono a volte bastare per scoraggiare i ladri. L’utilizzo di serramenti antieffrazione riduce del 25% la probabilità di subire un furto.

Guarda il vademecum casa sicura

casa sicura

Porta blindata di Bertolotto

Porta blindata di Bertolotto

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!