L’era del legno ingegnerizzato: la prima innovativa applicazione del tulipier lamellare

Inaugurato in Inghilterra il primo edificio al mondo in tulipier americano lamellare a strati incrociati, legno di latifoglia resistente e leggero.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 25/07/2017 Aggiornato il 16/08/2018
legno

Usato pionieristicamente nel 2013 per una scenografica installazione al London Design Festival dallo stesso team progettuale – gli architetti dRMM, il promotore Ahec/American Hardwood Export Council, gli ingegneri dello studio Arup – che ha dato vita a questa vera prima prova architettonica, il tulipier americano è un legno di latifoglia particolarmente resistente e leggero, bello al tatto e alla vista. Oltre che tra le essenze da considerarsi più sostenibili, considerate le sue eccezionali capacità di ricrescita.

Il legno cosiddetto ingegnerizzato, frutto di lavorazioni industriali innovative che ne mutano l’aspetto e soprattutto ne potenziano la qualità strutturale, non è un materiale recente nella storia delle costruzioni: tutti conosciamo il compensato, ad esempio, o il legno lamellare delle travi di grandi dimensioni di molte spettacolari realizzazioni. Nuova è in tal caso la scelta per la prima volta al mondo del tulipier, al quarto posto tra gli alberi più abbondanti nelle foreste americane di latifoglie (dopo le querce rossa e bianca e l’acero) eppure ancora poco sfruttato. Nonostante l’incredibile rapporto tra peso ridotto e elevata resistenza strutturale.

Lo studio di architettura dRMM – Alex de Rijke, Philip Marsh, Sadie Morgan, che da quasi vent’anni in Inghilterra promuove con le sue opere il legno prefabbricato (per i ridotti tempi e costi di cantiere) e ha contribuito a inventare il tulipier lamellare a strati incrociati, vince ancora una volta la sfida a Oldham, cittadina a nord-est di Manchester, con questo Maggie Cancer Caring Centre, luogo di supporto pratico ed emotivo alle persone malate di tumore. Un elegante volume sopraelevato da terra, organizzato internamente come un open space, tutto di legno con ampie vetrate e un cavedio trasparente per la luce naturale zenitale, che nasce come manifesto delle qualità estetiche e strutturali – oltre che salutari – del legno in architettura.

Clicca per vedere full screen le immagini

  • L’edificio in tulipier americano (foto Alex de Rijk)
  • Dettaglio dei pannelli di tulipier (foto Jon Cardwell)
  • Il cavedio centrale trasparente (foto Alex de Rijk)
  • Rivestimento esterno (foto Jon Cardwell)

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!