Lampade di design illuminano le vetrine di Rinascente a Milano

Fino al 22 febbraio, il grande magazzino Rinascente di Milano mette in vetrina le lampade di design.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 04/02/2021 Aggiornato il 04/02/2021
fronte vetrine la rinascente milano

Dopo lo sfavillio delle vetrine di Natale, la sede milanese dello store Rinascente non abbandona la propensione per la luce e fino al 22 febbraio mette in vetrina le lampade di design di famosi marchi made in Italy. Una scelta nel segno dell’eccellenza del progetto italiano, oltre che dell’eleganza e della contemporaneità, che torna a distinguere i fronti strada di questo storico grande magazzino, inaugurato nel 1918 con un nome commissionato al poeta Gabriele D’Annunzio ed entrato nell’immaginario degli italiani e nella storia del commercio del nostro paese. Non per nulla, secondo Pierluigi Cocchini, ad della stessa Rinascente, “in Europa i department store sono palazzi nelle città, edifici che i cittadini hanno come punto di riferimento per tutta la loro vita.”

Sin dagli esordi votata al design – lo storico premio Compasso d’Oro è stato istituito nel 1954 proprio dal grande magazzino, partendo da una idea di Gio Ponti e di Alberto Rosselli, e al livello inferiore della sede milanese è allestito il Design Supermarket – Rinascente questa volta rivolge il suo omaggio a progetti firmati da alcuni dei più noti marchi italiani del settore. Tutte le vetrine sono infatti allestite ad hoc per presentare, secondo il carattere distintivo di ogni azienda, i prodotti più famosi e iconici. E i passanti possono così riconoscere alcuni degli oggetti luminosi che hanno fatto la storia del progetto d’illuminazione. Come ad esempio le recenti riedizioni degli apparecchi Re e Regina (disegnati nel 1968 dall’artista Bobo Piccoli, per l’occasione posati su un’altra icona della scena progettuale milanese, il tavolo Cugino di Enzo Mari) di FontanaArte,  la lampada da terra Twice As Twiggy (design Marc Sadler, ) di Foscarini, le lampade da tavolo Pipistrello (design Gae Aulenti, 1965)  e Cobra (design Elio e Emiliana Martinelli, 1968) di Martinelli Luce.

Una occasione per scoprire pezzi storici e novità per l’illuminazione della casa, tutti presentati e disponibili all’acquisto al livello interrato del grande magazzino, appunto dedicato al design.  

vetrina FontanaArte Rinascente Milano

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!