Casa tua come casa vacanza

Affittare casa propria a chi va in vacanza: tutti i consigli per tutelare se stessi e gli inquilini.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/07/2013 Aggiornato il 22/07/2013
Casa tua come casa vacanza

Con l’arrivo delle ferie, molte case si svuotano. Da qui l’idea di Homelidays.it, vetrina online di annunci e offerte di affitto case vacanze: locare l’abitazione principale per brevi o lunghi periodi, non soltanto ad agosto, mese di vacanza per eccellenza degli italiani (tuttavia spesso non coincidente con quello di paesi stranieri), ma anche nei periodi di bassa stagione. Il trucco sta nello sfruttare manifestazioni ed eventi di maggior richiamo culturale del proprio territorio.

Per trasformare la propria residenza in casa vacanza è però necessario mettere a punto alcuni semplici accorgimenti organizzativi, che Homelidays.it suggerisce a partire sin dal primo passo: la pubblicazione dell’annuncio (il portale offre ai proprietari tariffe molto vantaggiose che spaziano dai 149 euro per 4 mesi di visibilità dell’annuncio ai 239 euro per tutto l’anno). L’importante è che sia dettagliato, conforme alla verità, sempre aggiornato e corredato da fotografie didascaliche, la cui selezione deve essere opportunamente vagliata, considerando che costituiranno il primo “ingresso” in casa.
Un segnale di affidabilità e seria attenzione nei confronti dei potenziali affittuari è lanciato con risposte sollecite a ogni richiesta d’informazione e garantendo la massima disponibilità nei confronti delle esigenze del cliente. Se la vostra casa ha fatto breccia negli interessi dei vacanzieri, è utile quindi accordarsi su un’operazione semplice e apparentemente banale come la consegna e la restituzione delle chiavi da parte del proprietari, affinché tutto si verifichi senza intoppi e nel minor tempo possibile.
Un plus di gentilezza e garbo è dato agli ospiti anche fornendo loro un opuscolo di accoglienza con le informazioni generali sui servizi disponibili nei dintorni, i giorni di svolgimento dei mercati e i consigli su come rapportarsi con i vicini, segnalando ad esempio la presenza di bambini.

Non meno importante è provvedere alla tutela dell’abitazione e dei propri oggetti personali. Si consiglia di mettere al sicuro i preziosi, pianificando accuratamente la disposizione degli oggetti all’interno della casa e lo spazio destinato agli affittuari, e di assicurare la propria casa vacanze contro furti e atti vandalici.

E la tutela dell’ambiente? Anche questa è da mettere in conto per ridurre i consumi e contemporaneamente sensibilizzare alla sostenibilità e al risparmio energetico. Partendo innanzitutto da una disposizione dei mobili tale da poter sfruttare al massimo il sole come fonte luminosa, sostituita quando necessario dalla luce artificiale di lampadine a basso consumo o pannelli solari, o da un’opportuna regolazione del termostato. Se la casa è dotata di un giardino, si può risparmiare acqua annaffiandolo con acqua piovana. Questi gli accorgimenti che devono mettere in atto i proprietari, ma anche agli affittuari spetta allinearsi ad alcune norme di buon senso. Per evitare sprechi di elettricità, è fondamentale che siano loro ben chiarite le modalità di spegnimento degli apparecchi elettrici che non vengono utilizzati e, per finire, istruire gli inquilini anche sulla raccolta differenziata e sul riciclaggio dei rifiuti domestici, dotando l’abitazione di raccoglitori ad hoc.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!