Arredamento verticale, ecco i due progetti vincitori del concorso Supra Dream

Due progetti di arredamento verticale reinterpretano lo spazio meno sfruttato delle nostre case, quello in altezza.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 22/10/2021 Aggiornato il 22/10/2021
progetto NEW HABITS

Elevarsi in altezza, ottimizzando gli spazi e ampliando le funzioni: queste le caratteristiche richieste ai progetti di arredamento verticale partecipanti al concorso Supra Dream, indetto dal marchio milanese di allestimenti fieristici e di arredi su misura Xilografia.

Nato da una idea del designer Matteo Ragni, il concorso ha visto l’adesione di sessantacinque studi di progettazione, cimentatisi nell’ideazione di una nuova concezione di arredamento verticale, flessibile, capace di sfruttare le altezze delle case contemporanee assecondandone le trasformazioni sia fisiche sia comportamentali.

Due i lavori risultati vincitori secondo la giuria di professionisti e di giornalisti del settore – Paola Carimati, Gio Tirotto, Giorgio Tartaro, Davide Fabio Colaci, Edoardo Brambilla, Gianluca Srtorio, Annalisa Fiandesio –, che hanno saputo interpretare al meglio il tema: il sistema di archiviazione Pole di Paolo Stefano Gentile e il divisorio New Habits del gruppo Luca Magistrali, Alberto Massara, Marco Merafina, Alice Platania, Giacomo Quinland.

sistema di archiviazione verticale POLE di Paolo Stefano Gentile

sistema di archiviazione verticale POLE di Paolo Stefano Gentile

sistema verticale POLE di Paolo Stefano Gentile

sistema verticale POLE di Paolo Stefano Gentile

Pole, palo free standing fissato da pavimento a soffitto, sfrutta l’intera altezza della zona di ingresso di un appartamento per servire da appendiabiti e da portaombrelli ma anche da utile spazio d’archiviazione sopraelevato e smaterializzato, grazie a un contenitore specchiato. Minimale nel disegno, seppure versatile e multifunzionale, può adattarsi a soffitti con una altezza da 2,7 a 3,1 metri.

divisorio verticale NEW HABITS di Magistrali Massara Merafina Platania Quinland

divisorio verticale NEW HABITS di Magistrali Massara Merafina Platania Quinland

progetto NEW HABITS

progetto NEW HABITS

New Habits, vincitore a pari merito, è invece un divisorio ispirato alle necessità sempre più attuali della coabitazione: un complemento d’arredamento verticale che alla funzione contenitiva e di organizzazione degli abiti unisce una postazione di lavoro in quota. Un progetto che intende ripensare le potenzialità degli spazi domestici, offrendone una inedita prospettiva dall’alto. Secondo gli autori infatti l’ottimizzazione delle superfici porterà a una sempre maggiore ricerca di fluidità funzionale e di sfruttamento delle altezze, al fine di alleggerire gli ingombri e soprattutto di permettere la compresenza di più persone in un ambiente nelle diverse ore della giornata.    

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!