Adotta un ciliegio alpino e porti ossigeno al Monte Bianco

Il progetto ambientale Save the Glacier, che prevede la possibilità per ciascuno di adottare un ciliegio, è stato sviluppato per intraprendere azioni concrete per aiutare la comunità alpina.
Floriana Morrone
A cura di Floriana Morrone
Pubblicato il 11/06/2021 Aggiornato il 20/07/2021
ciliegio

Una collina con vista sul Monte Bianco è stata scelta come sede per proporre l’adozione di un ciliegio: è il progetto parte dell’iniziativa Save the Glacier sviluppata per tutelare l’ecosistema dell’area. 

Promotore di Save the Glacier è Skyway Monte Bianco che, in cordata con CVA Energie e RAV (Raccordo Autostradale Valdostano), ha pensato di ripopolare un’area nel passato occupata da ciliegi selvatici. Un’idea che ha un risvolto da una parte legato al richiamo turistico – considerata l’immagine di forte impatto dei ciliegi in fiore con lo sfondo delle nevi perenni – e dall’altra alla tutela dell’ambiente e al rispetto della natura.

Piantumare i ciliegi, infatti, è una fra le iniziative in grado di riportare verde e ossigeno ai piedi del Monte Bianco, aiutando così la comunità alpina a proteggere le proprie aree naturalistiche. 

“I ciliegi aiuteranno a mitigare l’effetto che il riscaldamento globale ha sui ghiacciai e, studiandoli, si potrà calcolare quanta CO2 riesce a catturare in un anno ogni singola pianta.  Per fare tutto questo, c’è però bisogno dell’aiuto di ciascuno.  Da ora sarà possibile adottare un ciliegio per riscrivere insieme quella storia che in pochi hanno visto e che pochissimi ricordano”, dichiarano direttamente da Skyway Monte Bianco, funivia che collega e rende facilmente accessibili le tre stazioni di Courmayeur, Pavillion du Mont Fréty e Punta Helbronner.

Il coinvolgimento degli utenti è fondamentale per la riuscita del progetto: adottare un ciliegio a proprio nome o per regalarlo è un modo per restituire ossigeno all’ambiente e avere un ruolo attivo nella tutela dell’area.