ADI Design Index 2019, verso il Compasso d’Oro

Appuntamento a Roma venerdì 22 novembre per la mostra e la presentazione di ADI design Index 2019, i selezionati per il XXVI Compasso d’Oro ADI 2020.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 19/11/2019 Aggiornato il 19/11/2019
ADI Design Index 2019, verso il Compasso d’Oro

L’Osservatorio permanente del Design ADI, giuria di oltre cento esperti di settore (designer, critici, storici, giornalisti), ha selezionato i prodotti, i servizi, i progetti degni di entrare a far parte dell’ADI Design Index 2019, raccolta che ogni anno presenta il meglio del disegno industriale made in Italy. E che si basa sull’originalità, sull’innovazione funzionale e tipologica, sulla qualità produttiva e materica, nonché ovviamente sulla sintesi formale.

Su quasi mille candidature (precisamente 970, contro le 746 della scorsa edizione) ne sono state selezionate 226, che, unitamente ai prescelti dell’anno scorso, concorreranno nel 2020 al XXVI Compasso d’Oro, storico a autorevole premio all’eccellenza italiana nel design.

Come sempre molto ampio il ventaglio di oggetti e di progetti, che spaziano dall’arredamento alla nautica, dalle apparecchiature meccaniche alla grafica, dal design per il sociale al food design. Due le principali peculiarità individuate in questa edizione dalla giuria: la sempre più evidente caratterizzazione locale di molti prodotti – e nel volume la sezione “1.300 chilometri di design made in Italy” evidenzia le diverse declinazioni geografiche dell’approccio progettuale nel nostro paese – e la maggiore attenzione per le questioni legate alla sostenibilità. Urgenza quest’ultima finalmente acquisita in modo definitivo anche dalla cultura del progetto italiano.

I progetti inclusi nella pubblicazione, in parte presentati al pubblico a Milano al Museo della Scienza e della Tecnica e a Roma alla Casa dell’Architettura dell’Acquario Romano, e raccolti online in un sito dedicato, saranno successivamente sottoposti al vaglio di una giuria internazionale.

I vincitori, unitamente alle Menzioni d’Onore, entreranno così a far parte della Collezione Storica del Premio Compasso d’Oro ADI, che in oltre cinquant’anni di attività (il concorso è stato infatti istituito nel 1954) già include quasi trecento progetti premiati e duemila menzionati.

Ma quali sono i criteri per la selezione?
Vengono selezionati i prodotti che si distinguono per originalità e innovazione funzionale e tipologica, per i processi di produzione adottati, per i materiali impiegati, per la sintesi formale raggiunta.

Particolare attenzione viene prestata ai prodotti che esprimano rispetto ambientale, valore pubblico e sociale, cura per l’usabilità, l’interazione e il concetto di Design for All.

Per riportare in primo  piano i caratteri originali del progetto italiano, la selezione dei prodotti intende mettere in evidenza le specificità e le vocazioni dei distretti produttivi del territorio italiano.

Appuntamento a Roma per la presentazione di ADI design Index 2019, il 22 novembre alle 17.30 presso la Casa dell’Architettura, Acquario Romano.

Nella gallery alcuni dei prodotti inseriti nell’Index

  • ADI Design Index 2019.
  • Pannelli fonoassorbenti DecoDe di De Castelli, selezione ADI Design Index 2019.
  • Comandi Eikon Tactil di Vimar, selezione ADI Design Index 2019.
  • Yacht SL102Asymmetric (design Zuccon di Sanlorenzo, selezione ADI Design Index 2019.
  • Sedia Elipse di Zanotta, selezione ADI Design Index 2019.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!