M’illumino di meno 2020: spegniamo le luci e piantiamo un albero

M'illumino di Meno 2020 si celebra il 6 marzo ed è dedicata ad aumentare gli alberi, le piante, il verde intorno a noi.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 03/03/2020 Aggiornato il 05/03/2020
M'illumino di meno 2020

Il 6 marzo 2020 spegniamo le luci e piantiamo un albero. Questo l’invito lanciato per M’illumino di meno 2020, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, lanciata nel 2005 dal programma radiofonico Caterpillar e Rai Radio2, per chiedere agli ascoltatori di spegnere le luci non indispensabili e ripensare i consumi.

M’illumino di meno 2020: un albero fa luce

Ogni anno viene indicata un’iniziativa da portare avanti nella giornata M’illumino di meno: nel 2005 si chiedeva di cambiare le e lampadine ad incandescenza, che oggi non esistono più, con quelle a risparmio energetico. Per l’edizione 2019 il tema prescelto è stato l’economia circolare, con l’imperativo di riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose. Quest’anno, il  6 marzo 2020, oltre a spegnere le luci per una giornata, l’invito è a piantare un albero.

Gli alberi si nutrono di anidride carbonica, diventando lo strumento naturale per ridurre la principale causa dell’aumento dei gas serra nell’atmosfera terrestre e quindi dell’innalzamento delle temperature.  Gli alberi e le piante emettono ossigeno, filtrano le sostanze inquinanti, prevengono l’erosione del suolo, regolano le temperature. Per frenare il riscaldamento globale bisogna cambiare i consumi, usare energie rinnovabili, mangiare meno carne, razionalizzare i trasporti. Ma anche e soprattutto riforestazione. 

Comuni, scuole, aziende, associazioni e privati nella giornata di M’illumino di meno 2020 potranno piantare un tiglio, un platano, una quercia, un ontano o un faggio, ma anche un rosmarino, un ginepro nano, una salvia, un’erica o una pervinca major o un geranio, insomma tutto quello che si può piantare su un balcone.

Ovviamente rimane l’invito anche a spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell’umanità.  Si spegneranno così le piazze italiane, i monumenti – la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona -, i palazzi simbolo d’Italia – Quirinale, Senato e Camera – e tante case dei cittadini.

Schuco Italia mi illumino di meno

Anche quest’anno M’illumino di meno, iniziativa dedicata al risparmio energetico e agli stili di vita sostenibili, è sostenuta fra gli altri da Schüco Italia, a testimonianza del costante impegno del marchio nel tutelare le risorse energetiche e proteggere il clima. Per l’occasione, saranno coinvolti anche i dipendenti, che diventeranno in prima persona ambasciatori di sostenibilità. Presso la sede di Padova, inoltre, il 6 marzo – giornata del risparmio energetico e della sostenibilità – potranno vivere l’esperienza unica di un pranzo green e sostenibile: tutte le luci e i monitor della mensa aziendale resteranno spenti; non saranno serviti cibi cotti, la cui preparazione richiede consumo di energia, e sarà evitata la carne, alimento dal forte impatto ambientale.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!