Riciclo virtuoso al Fuorisalone: due appuntamenti da non perdere

In piazza XXV aprile un robot gigante illustra i danni causati dai rifiuti plastici dispersi nell'ambiente. E in via Solferino c'è una casa-rifugio realizzata grazie al riciclo di plastica trovata nel Po.

Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio
Pubblicato il 13/04/2019 Aggiornato il 15/04/2019
Riciclo virtuoso al Fuorisalone: due appuntamenti da non perdere

Che ambiente, ecocompatibilità e riciclo siano al centro della Design Week 2019 è un dato indiscutibile: innumerevoli sono i dibattiti, i workshop, le mostre e gli eventi in corso di svolgimento che, con ottica e approcci differenti, mettono questi temi nel loro programma. Parola d’ordine è aumentare le conoscenze del pubblico sui rischi che corre il pianeta e proporre soluzioni, anche su piccola scala, per correre ai ripari. Anche se il riciclo dei materiali da solo non basta, è sempre un grande passo avanti: fondamentale è introdurre il concetto di raccolta differenziata nella mentalità comune, promuovendo azioni virtuose e sensibilizzando su quanto inquinano gli scarti in plastica abbandonati sulle spiagge o gettati in acqua.

DSC_0244
Tra le installazioni del Fuorisalone, quella che spicca al centro di piazza XXV aprile, di fronte a Eataly, attrae anche l’attenzione del passante più distratto. Si tratta di un gigantesco robot bianco con il corpo, gli arti e le rudimentali mani costituiti da rifiuti plastici assemblati, soprattutto da centinaia di bottiglie: si chiama RoBOTL ed è stato realizzato dalla community del progetto Precious Plastic in collaborazione con Timberland. Gli ideatori di RoBOTL lo definiscono il supereroe della sostenibilità, perché la sua imponente figura fatta di rifiuti recuperati racchiude un messaggio forte con molteplici spunti di riflessione sull’importanza del riciclo, ma anche di scelte consapevoli e responsabili nella produzione. Precious Plastic (https://preciousplastic.com/) è un progetto e un gruppo di lavoro che, fondato dall’olandese Dave Hakkens e attivo da 2013, affronta le problematiche e vaglia le possibili azioni e soluzioni relative al riciclo della plastica, uno dei materiali più inquinanti sulla terra e nei mari. La community di Precious Plastic si pone l’obiettivo di fare incontrare, in ambito globale, le diverse competenze e di scambiare conoscenze sulle nuove opportunità offerte dalla valorizzazione dei prodotti ottenuti da materiali rigenerati. Ad esempio Timberland, l’azienda che ha contribuito alla realizzazione di RoBOTL ha lanciato sul mercato una collezione di calzature che hanno la tomaia in un materiale che contiene il 50% di pvc riciclato.
Ai piedi di RoBOTL, in piazza XXV, la stazione del riciclo fornirà ai visitatori tutte le informazioni sui rifiuti plastici, sulla raccolta e il riuso, oltre che consigli su come avviare pratiche virtuose nelle abitudini quotidiane.

DSC_0242

RoBOTL di Precious Plastic in mostra fino al 14 aprile in piazza XXV Aprile

Poco lontano da piazza XXV Aprile, in via Solferino davanti alla sede del Corriere della Sera (che partecipa come sponsor all’iniziativa), in occasione del Fuorisalone è stata allestita una mini abitazione i cui materiali costruttivi derivano da plastica di riciclo recuperata dal fiume Po. Il progetto, dal titolo Po d’AMAre, è stato promosso da COREPLA – Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggio in plastica (www.corepla.it), da Waste Free Oceans e da Protomax Plastics. Grazie a una sorta di diga sul Po, per quattro mesi è stata effettuata una sperimentazione che ha permesso di raccogliere tonnellate di rifiuti plastici, riutilizzati poi come materia  second hand per costruire i pannelli Storm Board. Questi costituiscono i moduli base che compongono la struttura della casa, dalle pareti al tetto; non soltanto: anche le panchine e le fioriere intorno all’installazione sembrano in legno ma sono invece nello stesso materiale a base di plastica. Durante la Design Week la casa è stata tinteggiata e decorata sulle facciate dagli street artists Atomo e Teatro e al termine della manifestazione sarà a una scuola o un ospedale che ne farà richiesta e utilizzata come sede di attività ricreative. Per presentare la domanda, occorre scrivere a comunicazione@corepla.it.

 

thumbnail_IMG_20190413_1004110

Casetta-rifugio in pannelli realizzati con plastica recuperata dal Po. In mostra in via Solferino davanti alla sede del Corriere della Sera

thumbnail_IMG_20190413_1010549

Dettagli della struttura del pannello Storm Board realizzato con plastica di riciclo

DSC_0237

Lo schema illustra il processo di riciclo della plastica a partire da un flacone usato

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!