Fabric-Action: il design per l’Umbria al Fuorisalone

Designer affermati e progettisti emergenti hanno partecipato al progetto Fabric-Action con l’obiettivo di proporre applicazioni innovative per la canapa e sostenere il rilancio della Valnerina. 11 progetti selezionati, che saranno in mostra durante il Fuorisalone all’Università degli Studi di Milano.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/03/2017 Aggiornato il 27/03/2017
Fabric-Action: il design per l’Umbria al Fuorisalone

La call for ideas indetta da Fabric –Action, ideata da Regione Umbria, Fondazione Politecnico, Museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco, Polifactory e Ghénos communication, è stata promossa per sviluppare soluzioni innovative di prodotto, in grado di combinare l’uso della canapa, il design e i nuovi processi di fabbricazione digitale degli oggetti.

Dopo un attento processo di selezione, sono stati undici i progetti scelti e presentati dai designer in concorso, tra cui Matteo Ragni, Lorenzo Palmeri, Enrico Azzimonti e tanti altri, e che saranno esposti in una mostra dedicata durante il Fuorisalone all’Università degli Studi di Milano.

Si tratta di soluzioni a impatto zero ed eco-friendly, che propongono la canapa come materia prima perfetta per un’economia circolare. I prototipi presentano usi inaspettati del materiale: dall’ambito musicale con percussori in canapa (Famiglia Battenti) e un basso-ukulele (UpLightBass) a prodotti per l’infanzia con la creazione di una culla (Paidìa) sfruttando le proprietà antibatteriche della canapa, fino a un purificatore d’aria (Soft), un’amaca (Kinesis), un sistema di pannelli fonoassorbenti (Ssshhh), uno skateboard (Delta9), un sistema modulare per la coltivazione domestica delle piante (Agri-Hemp). Più concettuali, invece, l’esperienza gastronomica CanapÈ che rivede un prodotto millenario in chiave contemporanea, a tavola, la collezione di vesti Sohat e il kit promozionale sull’uso della canapa Napaca, contenente sia prodotti finiti che oggetti da “costruire” che mettono in luce le diverse proprietà del materiale.

La tradizione della canapa, materiale green per eccellenza e versatile grazie alle sue numerose proprietà, viene riscoperta e valorizzata grazie all’attività del Museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco, nella Valnerina, centro produttivo d’avanguardia nella coltura e tessitura del materiale. Fabric-Action si propone di contribuire attivamente alla ricomposizione dell’economia della Valnerina, oggi in difficoltà a causa dei recenti sismi che hanno colpito la zona.

Fabric-Action, grazie al suo duplice livello di collaborazione istituzionale e tecnico-scientifica, contribuisce direttamente alla ricostruzione delle zone colpite dal sisma attraverso azioni concrete legate alla valorizzazione del “saper-fare” umbro e del design, inteso come strumento operativo, strategico e culturale per progettare un nuovo futuro per la Valnerina, nonché “bene comune” di una comunità che vuole rinascere per scrivere un’altra storia, da vivere in prima persona e non solo da raccontare.

Università degli Studi di Milano, via Festa del Perdono 7.

Clicca sulle immagini per vederle full screen

1 Museo_canapa1

Il museo della Canapa di Sant’Anatolia di Narco, in Valnerina.

2 Render_Armellini-Grimandi_finale

Il sistema modulare per la coltivazione domestica delle piante di Agri-Hemp.

3 Kinesis_VERIFICARE

L’altalena progettata da Kinesis per Fabric-Action.

4 Ssshhh_VERIFICARE

Il sistema di pannelli fonoassorbenti Ssshhh.

5 Render_Palmeri

I percussori in canapa Famiglia Battenti.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!