Compasso d’Oro 2018: i vincitori, le Menzioni d’Onore e alla Carriera

Tutti i vincitori del premio più famoso del design italiano, il Compasso d'Oro, ideato da Gio Ponti per promuovere la creatività del made in Italy.

Quanto design permea le nostre vite? Quando il design è valore realmente percepito e quando invece è semplicemente usato in maniera inconsapevole? Queste le domande che si è posto il presidente ADI Luciano Galimberti alla consegna dei premi della XXV edizione del Compasso d’Oro ADI.

Istituito nel 1954, il Premio Compasso d’Oro ADI è il più antico ma soprattutto il più autorevole premio mondiale di design, nato da un’idea di Gio Ponti e per anni organizzato dai grandi magazzini la Rinascente, allo scopo di mettere in evidenza il valore e la qualità dei prodotti del design italiano allora ai suoi albori. Successivamente esso fu donato all’ADI, Associazione per il Disegno Industriale, che dal 1958 ne cura l’organizzazione. Circa 300 i progetti premiati in oltre cinquant’anni di vita del premio, insieme ai quasi duemila selezionati con la Menzione d’Onore.

L’edizione 2018 del Compasso d’Oro ADI è all’insegna della presenza del design nella vita quotidiana di tutti e su olltre 1.200 candidati alla preselezione, solo 16 ricevono il premio che, come vuole tradizione, è andato, sia ai designer sia ai produttori degli oggetti scelti tra quelli individuati nelle due rassegne annuali ADI Design Index 2016 e 2017. Ad altri 56 la giuria internazionale ha assegnato una Menzione d’onore. A questi premi si aggiungono 11 premi Compasso d’Oro alla carriera, assegnati dall’ADI a personaggi e aziende di primissimo piano nel panorama contemporaneo del design italiano e internazionale, oltre ai 3 premi e ai 10 attestati di merito della Targa Giovani, assegnati a progetti realizzati nelle scuole universitarie di design italiane da giovani agli inizi della carriera.

Alcuni vincitori del Compasso d’oro 2018

Tra i prodotti premiati con il prestigioso riconoscimento troviamo:

Discovery (design Ernesto Gismondi) di Artemide: sospensione che spenta è un sottile anello metallico che disegna un vuoto silenzioso sospeso nello spazio. Accesa improvvisamente diventa un disco intensamente luminescente disegnando una sorpresa che è la vera anima di questo prodotto

OS2 75 ( design Alberto Torsello) di Secco Sistemi: serramento che stabilisce un nuovo standard combinando il taglio termico e l’isolamento a dimensioni estremamente contenute e ad una interessante flessibilità estetica grazie ai profili in acciaio verniciato e in Corten, acciaio inossidabile e ottone brunito.

. Espressione del miglior design
italiano, Discovery interpreta ricerca, innovazione tecnologica e
materica, saper fare, attenzione alle qualità della luce per il
benessere dell’uomo, valori che hanno da sempre guidato Ernesto
Gismondi non solo nella progettazione ma nello sviluppo
dell’azienda.
Discovery è un elemento totalmente assente e smaterializzato che
acquista volume quando viene accesa attraverso un’emissione
confortevole e perfetta anche per gli spazi di lavoro. Presentata
nel 2015 nella versione a sospensione e nel 2016 in quella a parete,
si declina oggi anche in tre diverse dimensioni sospese
verticalmente che ne fanno un elemento ancora più magico e
scenografico, capace di interagire con l’ambiente circostante
incorniciando prospettive, punti di vista o dettagli grazie alla sua
perfetta trasparenza da spento

Espressione del miglior design italiano, Discovery è un elemento totalmente assente e smaterializzato che acquista volume quando viene accesa attraverso un’emissione confortevole e perfetta anche per gli spazi di lavoro. Presentata
nel 2015 nella versione a sospensione e nel 2016 in quella a parete, si declina oggi anche in tre diverse dimensioni sospese verticalmente che ne fanno un elemento ancora più magico e scenografico, capace di interagire con l’ambiente circostante incorniciando prospettive, punti di vista o dettagli grazie alla sua perfetta trasparenza da spento.

Innovazione, design e materiali ricercati sono gli elementi distintivi di “OS2 75”, un sistema per la costruzione di porte e finestre in metallo a taglio termico che richiamano nella forma la leggerezza del “ferro finestra. L’ampia gamma di profili sottili permette la costruzione di infissi complessi con sezioni minime, offrendo molteplici possibilità di personalizzazione.Un ulteriore elemento di novità è costituito dalla possibilità di poter aprire il serramento con anta a ribalta, soluzione inedita per questa tipologia di infissi, e di poter alloggiare vetri per un elevato isolamento termico e acustico.  L’innovativo sistema, che consente di realizzare infissi per grandi superfici fino a 4 metri di altezza, è così resistente da poter essere impiegato anche in aree geografiche esposte a condizioni climatiche estreme, ma al contempo così sottile da adattarsi anche agli edifici storici e di elevato pregio.

Innovazione, design e materiali ricercati sono gli elementi distintivi di OS2 75 di SeccoSistemi, un sistema per la costruzione di porte e finestre in metallo a taglio termico che richiamano nella forma la leggerezza del “ferro finestra. L’ampia gamma di profili sottili permette la costruzione di infissi complessi con sezioni minime, offrendo molteplici possibilità di personalizzazione. Un ulteriore elemento di novità è costituito dalla possibilità di poter aprire il serramento con anta a ribalta, soluzione inedita per questa tipologia di infissi, e di poter alloggiare vetri per un elevato isolamento termico e acustico. L’innovativo sistema, che consente di realizzare infissi per grandi superfici fino a 4 metri di altezza, è così resistente da poter essere impiegato anche in aree geografiche esposte a condizioni climatiche estreme, ma al contempo così sottile da adattarsi anche agli edifici storici e di elevato pregio.

 
Alcuni vincitori della Menzione d’onore 

I prodotti premiati e quelli segnalati con la Menzione dOnore entrano a far parte della Collezione storica del Compasso dOro, arricchendo un patrimonio di cultura di riconosciuto interesse nazionale. Quest’anno hanno ricevuto la Menzione d’Onore: il sistema cucina AKB_08 (Arrital Kitchen Berton_08), frutto della collaborazione progettuale tra il designer Franco Driusso e lo chef stellato Andrea Berton; la cucina Air di Lago; il  progetto di design sociale Normali Meraviglie dellFondazione Sacra Famiglia, un’iniziativa che ha visto i suoi ospiti, grazie al coordinamento artistico del designer Alessandro Guerriero, realizzare  opere di alto valore esposte in eventi di spicco per il settore, dalla Design Week, alla mostra La Mano alla Triennale e a L’Artigiano in Fiera.

Nella gallery i prodotti premiati e sotto le foto con didascalia

Arrital_compassodoro

AKB_08 (Arrital Kitchen Berton_08): presentata in anteprima assoluta a Eurocucina 2016, e già insignita del “Good Design Award 2016”, è dotata di un sistema di lighting design “Focus on” che offre una movimentazione dinamica dell’illuminazione nella zona lavoro grazie ad un binario di scorrimento, il tagliere-vassoio “AKB_Board”, removibile e utilizzabile per servire in tavola nonché facile da pulire, e il vano “AKB Case”, un elemento contenitivo su due livelli che può fungere anche da divisorio. Installabile a parete singolo o doppio oppure ad isola. 

LAGO_Cucina Air_1

Già vincitrice del premio Salone del Mobile.Milano Award nel 2016, premiata dal Good Design Award nel 2017 e inserita nell’ADI Design Index 2017, la Cucina Air di Lago è composta da un tavolo circolare, rappresenta un ritorno metaforico e reale al focolare domestico, cuore della casa, attorno al quale riunirsi per condividere idee e momenti di vita. È in grado di accogliere contemporaneamente il cuoco, durante le sue preparazioni, e i commensali, amplificando l’idea di condivisione e favorendo il dialogo tra le persone.

Stefano Giovannoni

Vasi di Visi – Visi Diversi” di Stefano Giovannoni, oggetti prodotti dai ragazzi della Fondazione sacra Famiglia all’interno dei laboratori Arteticamente.

 
Compasso d’Oro alla Carriera

Compasso d’Oro alla Carriera a Ernesto Gismondi, ingegnere fondatore di Artemide che guida da 59 anni, non solo come imprenditore ma anche con interventi come designer, tra cui Discovery
l’innovativa sospensione anch’essa vincitrice del Compasso d’Oro 2018. 

Ernesto Gismondi non solo fonda e dirige Artemide ma,
ingegnere aeronautico e missilistico insegna Motori per Missili al
Politecnico di Milano dal 1964 al 1984. E’ tra gli ideatori di
Memphis e ha negli anni ricoperto numerose cariche nell’ambito
dell’Associazione Industriale Lombarda (Assolombarda),
Federmeccanica, Confindustria, Ente Autonomo Fiera di Milano,
Cosmit, CNEL e presso il Ministero per l’Università e la Ricerca,
diventando anche Vice Presidente dell’ADI.
Tra i numerosi e prestigiosi riconoscimenti è stato nominato
Cavaliere del Lavoro nel 2008

Ernesto Gismondi non solo fonda e dirige Artemide ma, ingegnere aeronautico e missilistico insegna Motori per Missili al Politecnico di Milano dal 1964 al 1984. E’ tra gli ideatori di Memphis e ha negli anni ricoperto numerose cariche nell’ambito dell’Associazione Industriale Lombarda (Assolombarda), Federmeccanica, Confindustria, Ente Autonomo Fiera di Milano, Cosmit, CNEL e presso il Ministero per l’Università e la Ricerca, diventando anche Vice Presidente dell’ADI. Tra i numerosi e prestigiosi riconoscimenti è stato nominato Cavaliere del Lavoro nel 2008.