A Citylife seconda vita per il vecchio padiglione della Fiera di Milano

Tra le torri, i complessi residenziali e il grande parco di Citylife, lo storico Padiglione 3 dell'ex Fiera è stato inaugurato dopo l'intervento di restauro conservativo appena portato a termine: sarà un centro polifunzionale a disposizione della città. E il 30 novembre, sempre a Citylife, arriva il nuovo Shopping District.
Silvia Scognamiglio
A cura di Silvia Scognamiglio
Pubblicato il 29/11/2017 Aggiornato il 14/08/2018
A Citylife seconda vita per il vecchio padiglione della Fiera di Milano

Da alcuni anni ormai l’area di Citylife (www.city-life.it/), sulla quale sorgevano gli edifici dove sorgeva l’ex Fiera, non lontana dal centro di Milano, è diventata un quartiere residenziale e direzionale, un nuovo centro polifunzionale progettato da archistar internazionali: Zaha Hadid, David Liberskind e Arata Isozaki (recentemente è stata inaugurata la seconda delle tre torri di Citylife, quella progettata di Zaha Hadid). La maggior parte dei fabbricati preesistenti è stata demolita lasciano il posto a quelli nuovi e a un grande parco urbano che li raccorda. 

Ma a Citylife non tutto il passato dell’ex Fiera è andato perduto. È stato infatti restaurato, e recentemente inaugurato, l’ex Padiglione 3 che con le sue imponenti dimensioni era stato uno dei primi edifici del complesso, del quale rappresentava il cuore. La costruzione, la cui facciata principale è rivolta verso piazza VI Febbraio, era stata progettata nel 1922 e realizzata l’anno successivo dall’architetto Paolo Vietti Violi. Parzialmente danneggiato e poi ricostruito durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, il Padiglione 3 nella sua storia lunga quasi un secolo, aveva svolto per un certo periodo anche la funzione di Palazzo dello Sport. Nel 1946 era stato anche adibito a sede provvisoria del Teatro Alla Scala, che in quel periodo era inagibile. Ora il Padiglione 3 torna a vivere a Citylife e sarà aperto al pubblico per eventi di vario tipo. Il restauro conservativo non ne ha modificato le caratteristiche principali: l’intervento, realizzato dallo studio Berlucchi con Italiana Costruzioni, è stato coordinato dal Comune di Milano e ha avuto la supervisione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano. A parte la facciata di piazza VI Febbraio che era aperta sulla strada, gli altri tre lati risultavano in precedenza quasi del tutto coperti dai padiglioni della Fiera: sono ora tornati ben visibili e costituiscono un elemento di attrazione nel nuovo quartiere milanese, completamente ripensato anche dal punto di vista viabilistico.

Guardiamo allora più da vicino questo significativo edificio che si inserisce armoniosamente nel nuovo contesto di Citylife, mantenendo inalterati i suoi tratti peculiari che raccontano un pezzo di storia della città. La costruzione, realizzata in cemento, è a pianta rettangolare, con uno sviluppo di 104 x 81 metri lineari; la superficie intera è di 10.000 mq e la copertura culmina in una cupola che era già stata ricostruita dopo gli anni della Guerra. I piani sono tre, quello inferiore d’ingresso è il più alto, circa 30 metri, e ha una superficie di 4.000 mq, scandita da colonne in cemento. Alcuni elementi architettonici – come i serramenti esterni – si rifanno alla tarda Art Nouveau e sono stati accuratamente salvaguardati durante al ristrutturazione.

Il restauro del Padiglione 3 e la sua inaugurazione arrivano in un momento di grande fermento, per lo sviluppo di Citylife. A partire dal 30 novembre, giorno dell’inaugurazione, l’area si arricchirà infatti dell’area commerciale dello Shopping District, all’interno della quale – oltre ai negozi – ci sarà anche la nuova multisala Anteo Citylife.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!