Ceramica settore in crescita: qualche numero su Cersaie 2018

Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 26/09/2018 Aggiornato il 06/02/2019

Il settore della ceramica e dell’arredo bagno è solido e lo dicono i numeri di Cersaie 2018.

Cersaie2018 fiere ceramica arredobagno

Tutto esaurito già sei mesi prima dell’apertura nonostante i 5mila metri quadrati in più dei nuovi padiglioni che hanno portato la superficie espositiva a 161mila mq. Così Emilio Mussini, il vicepresidente di Confindustria Ceramica, ha inaugurato la trentaseiesima edizione del Cersaie con la conferenza stampa internazionale a Palazzo Re Enzo nel cuore di Bologna. Il settore della ceramica e dell’arredo bagno è solido e lo dicono i numeri. “Abbiamo superato i 5,5 miliardi di fatturato totali, dato in crescita da sei anni a questa parte. Siamo ritornati, come valori, ai livelli pre crisi” afferma Mussini. A trainare la crescita è soprattutto l’Unione europea, che copre metà delle vendite totali: su questo mercato le vendite sono cresciute del 4%, a fronte di una stasi nel resto del mondo. E come andrà il 2018? A pesare sarà soprattutto il contesto internazionale: «Le previsioni di quest’anno sono fortemente influenzate dal dibattito sui dazi e dal rialzo dei tassi che si registrano negli Usa, fattori entrambi che non inducono all’ottimismo», ammonisce Mussini. Il settore italiano però si conferma solido, grazie anche a un’internazionalizzazione produttiva che vale il 14% del totale del fatturato. L’Italia può contare su 160 aziende che occupano quasi 23.000 dipendenti, per una produzione di 510 milioni di metri quadrati e un fatturato globale di 6,4 miliardi, di cui il 73% proveniente dall’export. Le vendite all’estero permettono all’Italia di confermarsi leader nel commercio internazionale in valore, con una quota del 32% davanti a Cina (25%) e Spagna (16%). Intanto aumentano gli investimenti: «Lo scorso anno abbiamo investito 514 milioni – calcola Mussini – in crescita del 29% rispetto all’anno prima. In cinque anni la nostra industria ha investito in tecnologia 1,8 miliardi di euro, dei quali 1,3 negli ultimi tre anni».

L’edizione 2018 del Cersaie

Passando all’edizione 2018 del Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno nella conferenza inaugurale sono stati indicati alcuni numeri importanti: 840 espositori presenti nei diversi padiglioni e provenienti da 40 Paesi e 181 espositori di arredo bagno con la rappresentanza del parquet italiano al completo. Cersaie è anche comunicazione con il sito www.ceramica.info, lanciato lo scorso anno – come ricorda Andrea Serri responsabile della Comunicazione di Confindustria Ceramica – e che in questo si arricchisce di nuove gallerie prodotti e galleria progetti, insieme alla creazione della App Ceramica che permette di avere a portata di click tutti i contenuti presenti nel sito. 

Ceramics of Italy Journalism Award 2018

La giornata inaugurale della trentaseiesima edizione del Cersaie si è conclusa con la cerimonia di consegna del Ceramics of Italy Journalism Award 2018, il premio – giunto alla 23esima edizione – assegnato al giornalista estero che ha realizzato il miglior articolo apparso su Cersaie e sull’industria italiana delle piastrelle in ceramica, pubblicato su riviste estere.  A vincere il riconoscimento quest’anno Olga Chumak (direttrice) e Alessia Poznyak, per l’articolo Cersaie – Quando le frontiere non esistono più, pubblicato a gennaio 2018 sulla rivista azera Dom I Interior. 244 articoli apparsi su 104 testate di 21 diverse nazioni analizzati per l’occasione e tra questi hanno ricevuto le menzioni d’onore per articoli meritevoli: Marlene E van Rooyen, caporedattrice di Floors in Africa (Sud Africa), Matthijs Pronker e Renée De Haan, redattori di Tegel Totaal (Olanda) e Kemp Harr, redattore di Floor Focus (Usa).

Confindustria Ceramica Distributor Awards 2018

 A Palazzo Re inoltre sono stati consegnati i Confindustria Ceramica Distributor Awards 2018, assegnati ogni anno ai migliori distributori dei prodotti ceramici italiani in quattro diversi Paesi. La Giuria, composta da imprenditori e dirigenti dell’industria ceramica italiana, ha deciso di assegnare quest’anno il premio ai migliori distributori di Italia, Francia, Germania e Paesi Bassi. Per l’Italia si è aggiudicato il premio Gruppobea, per la Francia David B., per la Germania Fliesen Huening e per i Paesi Bassi Julius van der Werf ex aequo con Michel Oprey & Beisterveld.