ADI e Airc lanciano il contest “Il design aiuta a guarire”

Seconda edizione del concorso "Il design aiuta a guarire" volto a migliorare il rapporto del piccolo paziente e dei suoi cari con l'ambiente terapeutico. Partecipazione aperta fino al 29 maggio 2020.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 21/04/2020 Aggiornato il 21/04/2020
ADI e Airc lanciano il contest “Il design aiuta a guarire”

Un contest in cui il design contribuisce al benessere dei pazienti e di chi sta loro vicino: fino al 29 maggio 2020 si può partecipare al concorso “Il design aiuta a guarire” realizzato da ADI e AIRC.

I progettisti, senza alcun obbligo di iscrizione a Ordini professionali o ad associazioni di categoria, sia singolarmente che a gruppi possono partecipare al concorso, presentando un progetto incentrato su oggetti e servizi per migliorare la qualità della vita dei pazienti che affrontano patologie importanti e a chi sta loro vicino. I progetti dovranno essere inediti e relativi a oggetti o sistemi di oggetti relativi all’attività terapeutica e al benessere dei piccoli pazienti di età da 0 a 14 anni. A titolo di esempio si possono realizzare sedute, tavoli, vassoi; letti, lettighe, carrelli per i pasti e carrelli per i farmaci; armadi e comodini per le stanze dei degenti e per i locali di servizio, apparecchi e sistemi illuminanti per ambulatori e luoghi di degenza, soluzioni d’arredamento delle sale d’attesa degli ambulatori e degli spazi comuni ospedalieri, purché adattabile a spazi diversi.

Alla proposta vincitrice, scelta da una giuria formata da due ricercatori, un rappresentante AIRC, un rappresentante ADI, un designer designato da ADI, verrà assegnato un rimborso spese di 1.000 euro e a discrezione della giuria verranno assegnate due Menzioni d’onore.

“Quando con AIRC abbiamo immaginato un concorso per migliorare la qualità delle attrezzature e dei servizi dedicati a chi affronta patologie importanti, abbiamo pensato al ruolo che il design svolge e al valore che ha il pensare un progetto ‘attorno’ all’uomo. Mai avremmo potuto ipotizzare quanto urgente e drammatica sarebbe diventata la situazione sanitaria nel mondo e nel nostro Paese” così il presidente di ADI Luciano Galimberti. “Partecipare a questa seconda edizione del concorso è oggi, in una condizione di tempo ‘sospeso’, un’adesione a un modo di intendere il nostro lavoro che va al di là della tecnica e dello stretto disciplinare; è una dichiarazione di impegno civile e di pietas, che rende il nostro operare quotidiano degno di essere svolto.”

I tre progetti premiati nella prima edizione del concorso “Il design aiuta a guarire”

  • DICA30TREE, di Ada Garombo e Martina Bonan, un’asta portaflebo concepita per i piccoli pazienti, pensata per rendere meno angosciante la degenza e l’assunzione di farmaci
  • A FIANCO, di Davide Andracco, accessorio che consente di camminare accanto alla carrozzina del paziente invece che dietro di essa
  • INSIDE_CONDIVIDE LE TUE EMOZIONI di Ismaele Maranzan e Davide Bortolin: una sfera elettronica che attraverso la luce e il gioco favorisce la comunicazione emotiva del piccolo paziente.

Fonti / Bibliografia

  • ADI - Associazione per il Disegno IndustrialeSito ufficiale di ADI Associazione per il Disegno Industriale, l'associazione del design italiano attiva dal 1956.Official website of ADI Associazione per il Disegno Industriale, from 1956 the Italian association for design.
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!