Mostra Yona Friedman. Meuble Plus - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 29/03/2022 Aggiornato il 29/03/2022
Dall' al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Lombardia
Luogo: Triennale Milano, viale Alemagna 6
Telefono: 02/724341
Orari di apertura: 11-20. Lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.triennale.org
Organizzatore: Triennale Milano
Note:
Triennale Milano presenta nel Giardino Giancarlo De Carlo Meuble Plus, installazione dell'architetto franco-ungherese Yona Friedman (Budapest, 1923 – Parigi, 2020), donata dalla Fondazione Friedman a Triennale e ora entrata nella collezione dell’istituzione.

Il progetto è a cura di Maurizio Bortolotti. Emilio Genovesi e Rodrigo Rodriquez hanno reso possibile la realizzazione di questa opera in occasione dell’edizione 2018 della Design Week e ne avevano previsto la collocazione in Triennale per renderla disponibile alla città di Milano.

Il progetto, che era stato appositamente ideato da Friedman per i rifugiati, costituito da tre moduli abitativi e realizzato con materiali riciclati, sintetizza la ricerca dell’architetto e urbanista sul tema dell’“architettura mobile”, costituita da un'infrastruttura immateriale e da elementi “domestici” mobili simili ad arredi dai costi molto contenuti.

Pratica e poetica di Friedman sono caratterizzate da una sperimentazione radicale in grado di travalicare i limiti della disciplina architettonica per entrare in dialogo con arte, biologia, cibernetica, antropologia, psicologia e sociologia.
Nel 1958 Friedman fonda a Parigi il Gruppo di studio per l’architettura mobile influenzando con il suo lavoro gruppi d’avanguardia come gli inglesi Archigram o i Metabolisti giapponesi.

Con opere seminali, dal progetto della Ville spatiale (1959–1960) allo studio delle agricolture urbane, dalle proposte di autocostruzione da parte delle popolazioni dei paesi sottosviluppati a quelle per una edilizia sostenibile – esemplare in questo senso il Museum of Simple Technology a Madras del 1987, realizzato impiegando materiali locali come il bambù – alle riflessioni sulla partecipazione attiva dal basso, Friedman ha sempre proposto una propria personale lettura del Modernismo, spesso basata sul paradosso e sull’ossimoro.

Nei suoi progetti Friedman propone “utopie realizzabili”, come titola il suo omonimo testo del 1974, rovesciando così ogni paradigma e infondendo un messaggio di speranza e positività.
L’architettura di Friedman non è mai impositiva, si concentra sul preesistente, sulla comunità e sulle esigenze del singolo individuo, in modo tale che anche il soddisfacimento di un bisogno personale possa essere foriero di miglioramento per l’intera collettività.
Yona Friedman. Meuble Plus
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com