Mostra VOI SIETE QUI City branding: lo scenario italiano e i progetti di Edenspiekermann per Amsterdam, Santa Monica e Parma - Parma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 16/12/2021 Aggiornato il 16/12/2021
Dal al
Parma (PR)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le notizie pubblicate sono verificate fino alla data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia e al peggioramento della situazione contingente, possono subire modifiche legate a nuove restrizioni richieste per legge, anche a livello locale e regionale.

Regione: Emilia Romagna
Luogo: CSAC - Centro Studio e Archivio della Comunicazione, Università degli Studi di Parma, Abbazia di Valserena, strada Viazza di Paradigna 1
Telefono: 0521/031880
Orari di apertura: 10-18 sabato e domenica; dal mercoledì al venerdì solo su prenotazione. Prenotazioni Comitato per Parma 2020 team@parma2021.it – tel. 0521/031880
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.csacparma.it
Organizzatore: Electa
Note:
In occasione delle celebrazioni per Parma Capitale Italiana della Cultura 2021, il fitto programma di eventi e manifestazioni si arricchisce con il progetto espositivo promosso da CSAC-Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma e prodotto dal Comitato per Parma 2020, con l’organizzazione di Electa.

La mostra esplora l’idea del City Branding e propone al pubblico esempi significativi di un importante fenomeno contemporaneo che trova il suo sviluppo in diversi ambiti di ricerca, dal marketing all’urbanistica, dalle scienze sociali al design, con l’obiettivo di approfondire le strategie di comunicazione racchiuse dietro la costruzione dell’identità visiva di una città.

La mostra riunisce una selezione puntuale di progetti dedicati al City Branding italiano, insieme all’esperienza internazionale dello studio Edenspiekermann che presenta i casi studio di Parma, Amsterdam e Santa Monica.

Il tema dell’immagine pubblica delle città italiane viene sviluppato in tre sezioni.
Primo fra tutti viene analizzato il caso di Parma, che dopo essere stata designata Capitale italiana della Cultura 2020 e successivamente confermata al 2021 a causa della pandemia, ha definito un’identità visiva più riconoscibile e accessibile per i suoi cittadini e per i turisti locali e internazionali.

La formazione del linguaggio progettuale si è incentrata su pochi ma efficaci elementi: la reinterpretazione in chiave moderna del classico font Bodoni, con la P possente e sagomata e l’utilizzo di un giallo vivace e allegro, colore tradizionale dei palazzi della città sin dal Settecento, per rappresentare l’incontro tra la cultura classica italiana, la politica progressista e un futuro dinamico.

Corpus centrale della mostra è “Destination Italy” che raccoglie 32 studi di immagine coordinata di città italiane (Ascoli Piceno, Bari, Bologna, Cagliari, Courmayeur, Fano, Ferrara, Firenze, Gabicce Mare, Genova, Gorizia, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Madonna di Campiglio, Mantova, Milano, Napoli, Palermo, Parma, Pesaro, Pisa, Pordenone, Rimini, Roma, Roveredo in Piano, Sabbioneta, Salerno, Siena, Treviso, Trieste, Varese, Venezia).
La narrazione segue un ordine cronologico a partire da uno dei primi progetti di redesign cittadino fino ad assumere connotati sistemici: quello del Comune di Siena realizzato tra il 1994 e il 1998, fino ad arrivare all’esperienza nel 2021 di Madonna di Campiglio.

Nella terza sezione, ampio spazio è dedicato a due tra i numerosi progetti internazionali dello studio Edenspiekermann, a cui le città di Amsterdam e Santa Monica si sono rivolte.
Nel primo caso emerge l’intento di riunire una serie di realtà molto diverse in un unico sistema di identità condivisa, grazie anche alla creazione dei personaggi “Adam ed Eve”, figure iconiche modulari che possono essere utilizzate in applicazioni statiche e dinamiche per supportare la narrazione e il trasferimento di informazioni complesse.
Nel caso della città californiana viene proposto un concept necessario per un’esperienza identitaria e attenta ai servizi digitali, con l’implementazione di un marchio a ombrello per i vari dipartimenti cittadini.


AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com