Mostra Venire alla luce. Dal concepimento al parto - Padova

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 07/12/2017 Aggiornato il 07/12/2017

Il nuovo progetto intende approfondire e comprendere il tema della vita, un viaggio nella storia di tutti alla scoperta dell'avventura che è la nascita attraverso la storia della medicina e la tecnologia più moderna. Attraverso le collezioni storiche della Clinica Ginecologica dell'Università di Padova e installazioni multimediali, exhibit interattivi e video in 3d è possibile sperimentare da vicino l'evoluzione dell'essere umano, dal punto di vista scientifico e emozionale. Il percorso espositivo permette di vivere mese per mese la crescita nel grembo materno, scoprirne i segreti, condividerne le sensazioni con una doppia prospettiva: quella della madre, delle sue percezioni e dei cambiamenti del suo corpo, e quella del feto, fino al momento in cui esso "viene alla luce". Le preziose collezioni dell’Università di Padova presentano modelli anatomici, in cera e cristallo e creta, esposti per la prima volta, risalenti alla seconda metà del '700, che costituiscono un'occasione unica per avventurarsi nella storia dell'ostetricia e seguire il suo passaggio da arte manuale a scienza. Le cere rappresentano l'apparato riproduttore femminile e il feto, nonché alcune tappe cronologiche della gravidanza e del parto. Le crete raffigurano le varie presentazioni fetali e originariamente erano costituite da componenti mobili (ora saldamente ancorate) affinché gli allievi medici e le levatrici potessero esercitarsi sui meccanismi del parto. Completa il nucleo della collezione una raccolta di strumenti chirurgici iniziata da Rodolfo Lamprecht (1781-1860), con il quale nel 1819 viene fondata la Clinica Ostetrica, nell’Ospedale Civile di Padova, oltre a preparati anatomici, tavole didattiche, strumenti per il parto risalenti al XIX e XX secolo e il primo ecografo acquistato in Italia, a Padova, nel 1969. La mostra, promossa dalla Fondazione MUSME, realizzata con il significativo contributo scientifico dell’Università di Padova, è curata dal Prof. Giovanni Battista Nardelli (Dipartimento di Salute della Donna), dal Prof. Maurizio Rippa Bonati (Dipartimento di Scienze Cardiologiche Toraciche e Vascolari), in collaborazione con il Prof. Raffaele De Caro e il suo team (Dipartimento di Neuroscienze), con il contributo del dott. Andrea Cozza, sotto la supervisione del comitato scientifico del Museo, presieduto dal Prof. Vincenzo Milanesi. 

Dal al
Padova (PD)
ATTENZIONE
Prima di presentarsi alle mostre informarsi sulle modalità di ingresso in relazione all’emergenza Covid-19 e visitare il sito ufficiale dell’evento per avere conferma delle date e degli orari.
Regione: Veneto
Luogo: Museo di Storia della Medicina, via San Francesco 94
Telefono: 049/658767; Sito: www.musme.it
Orari di apertura: 14,30-19; mattina aperto solo su prenotazione. Lunedì chiuso
Costo: 10 euro; ridotto 8 euro
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com