Mostra Ukrainian Realism - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 16/04/2022 Aggiornato il 27/04/2022
Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Lombardia
Luogo: Triennale Milano, viale Alemagna 6
Telefono: 02/724341
Orari di apertura: 10-20. Lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.triennale.org
Organizzatore: Triennale Milano
Note:
L’esposizione riunisce le opere pittoriche, ricevute in prestito per gentile concessione del Teatro della Cooperativa, di diversi pittori ucraini degli anni Settanta e Ottanta del Novecento che hanno lavorato nell’ultimo periodo di esistenza del cosmo sovietico, tra cui Anatoly Shapovalov Gavrilovic, Dovzhenko Anatoly Ivanovich, Vadim Demjanovich Valigura.

Sono immagini improntate al realismo socialista, che ritraendo in modo quasi fotografico le fabbriche, le scuole, i campi e le città, mostrano paesaggi, corpi e colori di una terra intrappolata da più di un secolo e anche oggi, fra pace apparente e assolata bellezza.

Sempre il 27 aprile, a partire dalle ore 18,30, è in programma l’incontro che coinvolgerà tutti gli ambiti disciplinari che verranno approfonditi nel corso degli appuntamenti successivi, ma con un focus particolare su arte e fotografia.
Interverranno personalità ucraine tra cui l'artista Nikita Kadan, l'artista e scrittrice Yevgenia Belorusets, la disegnatrice Sasha Sinimova, la fotografa Valerish (pseudonimo di Valeria Shashenok), il compositore Albert Saprykin e il direttore della fotografia Nastya Roshuk.

Insieme a questa selezione, che rappresenta una sorta di “canto”, ci sarà un piccolo “controcanto” di esponenti della cultura internazionale, tra i quali la Direttrice del Castello di Rivoli Carolyn Christov-Bakargiev e il Direttore artistico delle Serpentine Galleries Hans Ulrich Obrist.

A chiudere l'incontro, la proiezione di alcune sequenze di tre film che vengono presentati per la prima volta al di fuori dell’Ucraina, rappresentativi del cinema ucraino contemporaneo: After a fire (2014) di Andranik Berberyan, Carpet (2019) di Natalia Kiselyova, Julia (2021) di Catherine Lemeshynska.


Triennale Milano presenta i prossimi appuntamenti di Planeta Ukrain, progetto che prevede una serie di incontri, riflessioni, dialoghi con artisti, intellettuali, scienziati ucraini e internazionali in preparazione del Padiglione dell’Ucraina alla 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries, che si terrà dal 15 luglio all’11 dicembre 2022.

Unica istituzione culturale internazionale a far parte dal 1928 del BIE Bureau International des Expositions, Triennale Milano garantirà, insieme a quella di molti altri Paesi che hanno aderito alla prossima Esposizione, la presenza del Padiglione dell’Ucraina, che sarà curato dallo scrittore Gianluigi Ricuperati con Lidiya Liberman, attrice, e Anastasia Stovbyr, pianista.

Gli incontri di Planeta Ukrain presenteranno una panoramica della cultura contemporanea ucraina e toccheranno diversi ambiti disciplinari – musica, cinema, letteratura, filosofia, architettura, teatro, danza, moda, design, arti visive, fotografia – che “tradurranno” in azioni, progetti, presentazioni, il testo Planeta Ukrain will be, scritto da Gianluigi Ricuperati e proposto a tutti i partecipanti come una “call to action” poetica.

Durante la 23ª Esposizione Internazionale, il padiglione ucraino sarà diffuso negli spazi interni ed esterni di Triennale Milano, e vedrà protagonisti importanti artisti ucraini, tra cui l’artista e fotografo Boris Michajlov, l’artista Nikita Kadan, la disegnatrice Sasha Sinimova, la fotografa e scrittrice Yevgenia Belorusets.

Dida: Baumeister Oleg, Passeggiata
Ukrainian Realism
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com