Mostra Tomaso Da Rin Betta (1838 – 1922), pittura ritrattistica e religiosa - Pieve di Cadore

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 18/07/2022 Aggiornato il 18/07/2022
Dal al
Pieve di Cadore (BL)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Veneto
Luogo: Palazzo della Magnifica Comunità di Cadore, piazza Tiziano 2
Telefono: 0435/32262
Orari di apertura: 10-12; 15,30-17,30
Costo: 6 euro; ridotto 4,50 euro
Dove acquistare: www.magnificacomunitadicadore.it
Sito web: www.magnificacomunitadicadore.it
Organizzatore: Magnifica Comunità di Cadore e Comune di Vigo di Cadore
Note:
Cento anni fa a Venezia si diceva addio a uno dei più sinceri e attenti celebratori della gente di montagna e del territorio cadorino, riconosciuto in Italia e in Europa per la capacità introspettiva dei suoi ritratti e per i dipinti a tema religioso, Tomaso Da Rin Betta (Vigo di Cadore, 1838 - Venezia, 1922).

Per celebrare il suo talento e le sue opere, riscoperte dalla critica solo dopo la metà degli anni Ottanta del Novecento, la Magnifica Comunità di Cadore e il Comune di Vigo di Cadore promuovono la mostra che si svilupperà in due sedi, a Vigo di Cadore (Scuole elementari) da sabato 16 luglio a domenica 21 agosto 2022 e a Pieve di Cadore (Palazzo della Magnifica Comunità di Cadore) da domenica 17 luglio a domenica 28 agosto 2022.

Inizialmente conosciuto per le numerose pale d’altare che aveva realizzato, esposte nelle chiese del Cadore e dell’Agordino, nel 1964, grazie alla mostra antologica a lui dedicata a Vigo di Cadore nella quale erano esposti anche 39 ritratti (in gran parte di proprietà privata) venne alla luce la ricca produzione ritrattistica di Tomaso Da Rin Betta, fino ad allora celata nelle dimore locali e protetta da gelosa riservatezza.

L’inclinazione di Da Rin Betta verso l’oggettività verista si palesa anche nell’attento studio della tipologia dei volti e delle posture dei personaggi che popolano le sue pale d’altare.
In parecchi casi si tratta di veri e propri cripto-ritratti (ovvero la rappresentazione di una persona reale nelle vesti e con gli attributi distintivi di un altro personaggio, solitamente antico e celebre), idonei non solo ad attualizzare la nobiltà dei tradizionali schemi iconografici rinascimentali veneziani ma anche a creare una sensibile connessione con la vitale immediatezza giornaliera.

La mostra sarà affiancata dal volume omonimo, a cura di Letizia Lonzi, Giorgio Reolon e Flavio Vizzutti (Antiga Edizioni, 2022).
Tomaso Da Rin Betta (1838 – 1922), pittura ritrattistica e religiosa
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com