Mostra The Promised Land. Michael Armitage - Torino

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 13/02/2019 Aggiornato il 13/02/2019
Dal al
Torino (TO)
Regione: Piemonte
Luogo: Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, via Modane 16
Telefono: 011/3797600
Orari di apertura: 12-19; giovedì 20-23. Lunedì, martedì e mercoledì chiuso
Costo: 7 euro; ridotto 5 euro
Note:
La prima mostra personale in Italia di Michael Armitage (Nairobi,1984) presenta lavori esistenti insieme a nuovi dipinti, prodotti specificamente per l'occasione. L'artista rielabora nei suoi quadri dinamiche contraddittorie del Kenya contemporaneo, filtra attraverso il suo linguaggio pittorico le svariate sfere che scandiscono la vita collettiva e individuale del suo paese d'origine, dalle manifestazioni locali ai piccoli episodi di vita quotidiana, dalle declinazioni della cultura popolare alle implicazioni delle politiche sociali.
I miti che circondano la narrativa africana vengono decostruiti tramite processi di astrazione che mettono in discussione il punto di vista unico facendo emergere limiti e taboo. La mostra riunisce una serie di opere realizzate tra il 2014 e il 2019 in cui avvenimenti reali e fittizi legati al Kenya sono sovrapposti e stratificati in atmosfere surreali. Le nuove produzioni seguono la composizione di The Fourth Estate (2017), in cui vengono ritratti raduni politici dell'opposizione prima delle elezioni in Kenya nell'agosto del 2017. Ispirati a queste grandi manifestazioni, le opere svelano gli esiti di strategie in atto per la costruzione del consenso attraverso impianti di propaganda esibita che sfociano in episodi di violenza collettiva.
The Promised Land. Michael Armitage
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.