Mostra TEATRO NATURALE, prove d’archeologia a venire - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 23/10/2019 Aggiornato il 23/10/2019
Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Scaramouche loves Aline, corso di Porta Ticinese 87
Telefono: 02/35981398
Orari di apertura: 11-13; 15-19; martedì 15-19. Domenica e lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.scaramoucheinlove.com
Organizzatore: Galleria Scaramouche loves Aline
Note:
La mostra personale di Vittorio Messina (Zafferana Etnea, 1946), è dedicata ai temi del "Teatro Naturale" e dell'archeologia.
La nozione di “archeologia” su cui Vittorio Messina costruisce la mostra è un concetto complesso, che richiama una diversa idea di tempo, di spazio, di storia, ma anche una nuova idea di futuro.
Il suo “Teatro Naturale” diviene così un modo per approfondire il discontinuo accadere di eventi, fatti e documenti che rendono possibile la storia e i motivi per cui quei fatti e quei documenti continuano ad esistere.

Un’opera, quella di Messina, che ci proietta in uno spazio che connette la diversità delle dimensioni temporali. Ai suoi esordi, nella metà degli anni 70, l'artista mette a fuoco i motivi della propria ricerca intorno al concettualismo e orienta da subito il proprio lavoro in senso multimediale.

Oltre ai “reperti”, alle “fratture” e alle “rovine” trascritte come evento catastrofico, l’artista realizza infatti una serie di “Prove d’archeologia a venire” e di “Paesaggi fattoriali” che avranno un lungo seguito nel complesso della sua opera.

Ma il cuore del suo “Teatro Naturale” è oggi una grande installazione site specific realizzata ad hoc per la mostra, che continua a sviluppare il lavoro dell'artista sull'uso di materiali sonori e ci riporta alla prospettiva del rapporto con la tecnologia e della riflessione sulla nostra epoca.
TEATRO NATURALE, prove d’archeologia a venire
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com