Mostra SONO TAZZA DI TE! 100 smashing women designer - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 02/09/2021 Aggiornato il 02/09/2021
Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Casa Museo Boschi di Stefano, via Giorgio Jan 15
Telefono: 02/88463614
Orari di apertura: 10-17,30; lunedì 6 settembre 14-20
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.dcomedesign.org
Organizzatore: DcomeDesign, condiviso da Casa Museo Boschi Di Stefano - Comune di Milano
Note:
In occasione della Milano Design Week 2021, l'associazione DcomeDesign presenta la mostra che animerà quello che fu il laboratorio di ceramica in cui lavorava Marieda di Stefano, oggi parte di Casa Museo Boschi di Stefano.

La mostra espone 80 tazze firmate da altrettante donne progettiste, designer, artigiane, artiste, architette e non solo, in una parola “artiere”, maestre nell’uso dei più diversi materiali, che hanno liberato la loro immaginazione per dare vita alle più disparate tipologie di tazze, facendole diventare dei veri e propri oggetti del desiderio.

Il titolo della mostra gioca proprio su questa ambiguità: SONO TAZZA DI TE! fa il verso alla classica locuzione “Sono pazza di te!”, a significare la passione, lo spirito curioso e geniale che caratterizza la creatività femminile che, in questo caso, si è sprigionata su un oggetto di uso comune, una “semplice” tazza appunto…non da tè in questo caso!

La selezione delle progettiste in mostra è stata il frutto di una open call indetta lo scorso marzo che ha registrato una grande partecipazione: più di 300 sono state le candidature arrivate, 216 quelle selezionate dall’Associazione DcomeDesign e 65 i progetti scelti per la mostra.
Inoltre, l’Associazione ha invitato a creare la loro tazza anche 14 special guest quali Alessandra Baldereschi, Gabriella Benedini, Annalisa Cocco, Caterina Crepax, Laura Fiaschi (GUMDESIGN), Daniela Gerini, Silvia Levenson, Chiara Lorenzetti, Antonella Ravagli, Elena Salmistraro, Marta Sansoni, Annarita Serra, Sabrina Sguanci, Angela Simone.

Le tazze esposte in mostra rappresentano ognuna la soggettività, la personalità e l’ecletticità delle artiere coinvolte, in primis nell’impiego dei più differenti tipi di materiali: dalla più tradizionale ceramica, declinata in forme e soprattutto tecniche realizzative diverse, dal vetro e dal mosaico, passando per differenti tipi di carte, per argento, acciaio, marmi e tessuti (a telaio, all’uncinetto, ricamati) fino ad arrivare a plastiche e materiali di riciclo, senza dimenticare anche l’utilizzo della stampante 3D.

In mostra è delineato tutto lo stivale dal Piemonte alla Sicilia, dalla Sardegna al Veneto, dall’Emilia Romagna alla Liguria, dalla Toscana al Lazio all’Umbria, dalla Campania - con una rappresentanza del Comune di Vietri sul Mare - alla Calabria alla Puglia, con incursioni estere da Israele, Spagna e Svizzera.

Al termine dell’esposizione, per sottolineare la mission di design per il sociale che da sempre caratterizza l’Associazione DcomDesign, le tazze delle 14 special guest saranno battute all’asta da Jean Blanchaert a favore della Fondazione Arché con l’obiettivo di organizzare e sviluppare un laboratorio di decorazione ceramica a cura dell’Associazione Impronte di Nova Milanese, per le donne supportate dalla Fondazione Arché, aperto al territorio.

Le tazze esposte in mostra rappresentano ognuna la soggettività, la personalità e l’ecletticità delle artiere coinvolte, in primis nell’impiego dei più differenti tipi di materiali: dalla più tradizionale ceramica, declinata in forme e soprattutto tecniche realizzative diverse, dal vetro e dal mosaico, passando per differenti tipi di carte, per argento, acciaio, marmi e tessuti (a telaio, all’uncinetto, ricamati) fino ad arrivare a plastiche e materiali di riciclo, senza dimenticare anche l’utilizzo della stampante 3D.

Da qui le diverse funzioni delle tazze, che nella maggior parte degli esemplari presenti in mostra trascendono l’utilizzo classico per diventare un vero e proprio pezzo unico dal carattere decorativo e dal significato concettuale e archetipico. Significativi in questo senso sono anche molti titoli, come Mi sono bevuta il cervello, Stasera esco!, Genderbell, Chinon della vanità.

In mostra è delineato tutto lo stivale dal Piemonte alla Sicilia, dalla Sardegna al Veneto, dall’Emilia Romagna alla Liguria, dalla Toscana al Lazio all’Umbria, dalla Campania - con una rappresentanza del Comune di Vietri sul Mare - alla Calabria alla Puglia, con incursioni estere da Israele, Spagna e Svizzera.
Trasversale è anche l’età delle partecipanti: si parte dalla classe 1931 e si arriva a tre giovani millennial.

La mostra si caratterizza poi per due importanti omaggi a due socie onorarie di DcomeDesign: Muky, classe 1926, ceramista ed eclettica protagonista della cultura faentina, e Antonia Campi di cui è proposta la rivisitazione della sua storica tazza Gallina, dell’omonimo servizio (1951 per SCI-Laveno), da parte dell’Istituto ad indirizzo raro Caselli-De Sanctis di Capodimonte diretto da Valter Luca De Bartolomeis. Una preview della mostra che si terrà a Napoli il prossimo novembre.

Al termine dell’esposizione SONO TAZZA DI TE!, per sottolineare la mission di design per il sociale che da sempre caratterizza l’Associazione DcomDesign, le tazze delle 14 special guest saranno battute all’asta da Jean Blanchaert a favore della Fondazione Arché con l’obiettivo di organizzare e sviluppare un laboratorio di decorazione ceramica a cura dell’Associazione Impronte di Nova Milanese, per le donne supportate dalla Fondazione Arché, aperto al territorio.

L’evento promosso e voluto da DcomeDesign e condiviso da Casa Museo Boschi Di Stefano - Comune di Milano, è patrocinato da Fondazione Cologni/Mestieri d’arte, Fondazione Plart, CNA-Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della piccola e media impresa, AiCC - Associazione Italiana Città della Ceramica, YouNique-Artigianalità d’Eccellenza.

La mostra fa parte de "La Bella Estate", il palinsesto culturale estivo promosso dal Comune di Milano che, fino al 21 settembre, proporrà ai milanesi e ai visitatori della città un ricco calendario di iniziative artistiche, culturali, sportive, ricreative e del tempo libero (programma in continuo aggiornamento su yesmilano.it/labellaestate).


Didascalia: Barbara Uderzo, BLOB cup #



SONO TAZZA DI TE! 100 smashing women designer
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com