Mostra Ritmo sopra a tutto. Cinquant’anni di storia e di arte al MA*GA - Gallarate

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 17/10/2016 Aggiornato il 17/10/2016

Il Museo MA*GA di Gallarate celebra i suoi 50 anni di attività con una bella mostra che documenta, attraverso 100 opere, il percorso che ha portato alla formazione delle collezioni del museo stesso, cominciando dall'attenzione al Movimento di Arte Concreta (MAC) per arrivare alle tendenze più recenti. A curare il progetto è Franco Buffoni, originario proprio di Gallarate, che osserva i fenomeni dell'arte in rapporto alla scena culturale generale e costruisce un percorso espositivo che trova come referenti concettuali testi dei più grandi poeti del Novecento, da Eugenio Montale a Giovanni Raboni, Una prima sezione si concentra sull'arte a cavallo tra la fine degli Anni Quaranta e gli Anni Cinquanta, dalla sala dedicata al MAC si passa  a quella che tratta i tema del paesaggio. Le poesie di Cesare Pavese e Eugenio Montale si accompagnano alle tele di Mario Sironi, Giorgio Morandi, Felice Casorati, Renzo Vespignani per cercare di interpretare secondo stili e sensibilità diverse lo spaesamento dell'artista nei confronti di un ambiente in continuo, rapido cambiamento. E' stato anche riallestito il primo museo inaugurato il 15 ottobre 1966 in due appartamenti attigui di circa 170 metri quadrati di via XXV Aprile al 4, affittati dall'amministrazione comunale proprio per dare vita a quella che allora era la Civica Galleria d'Arte Moderna, chiamata MA*GA quando è stata spostata nella sede attuale dal 2010. Ad essere esposte, oggi come allora, le 124 opere donate dal Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate alla città come nucleo iniziale del nuovo museo, fra questi si trovano i lavori di Renato Birolli, Carlo Carrà, Franco Gentilini, Ennio Morlotti, Ernesto Treccani, Emilio Vedova.

Dal al
Gallarate (VA)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Museo MA*GA, via De Magri 1
Telefono: 0331/706011; Sito: www.museomaga.it
Orari di apertura: 9,30-12,30; 14,30-18,30; sabato e domenica 11-19. Lunedì chiuso
Costo: 5 euro; ridotto 3 euro
Ritmo sopra a tutto. Cinquant’anni di storia e di arte al MA*GA
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com