Mostra RE.USE. Scarti, oggetti, ecologia nell’arte contemporanea e CHARTA. RE.design Conte(x)st - Treviso

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 30/10/2018 Aggiornato il 30/01/2019

L'esposizione curata da Valerio Dehò, composta da 87 opere di 58 artisti internazionali, è dislocata in tre diversi spazi della città, di cui due sedi museali, il Museo di Santa Caterina e il Museo Casa Robegan, e uno spazio privato, il piano Nobile di Ca' dei Ricchi.

Dal al
Treviso (TV)
Regione: Veneto
Luogo: Museo S. Caterina, piazzetta M. Botter 1; Museo Casa Robegan, via A. Canova 38; Ca' dei Ricchi, via Barberia 25
Telefono: 0422/419990
Orari di apertura: 10-12,30; 14,30-18 Museo Santa Caterina; Ca' dei Ricchi 10-13; 15-19. Lunedì chiuso
Costo: 6 euro; ridotto 4 euro
Note:
La mostra traccia un viaggio nella storia dell'arte e nella cultura artistica, dal Novecento ai giorni nostri, per guardare in dettaglio come il tema del Riuso/RE.USE è stato affrontato nelle varie decadi e dai diversi artisti e come questo grande tema continua a produrre opere e a stimolare la creatività delle attuali generazioni, ricoprendo un ruolo attivo e propositivo per comunicare al pubblico valori condivisi socialmente rilevanti. Attraverso le opere di grandi artisti come Marcel Duchamp, Piero Manzoni, Michelangelo Pistoletto, Alberto Burri, Mimmo Rotella, Tony Cragg, Christo e Damien Hirst, la mostra si propone di documentare in un arco cronologico che va dai primi decenni del Novecento fino ai giorni nostri, il rapporto continuo che l'arte ha avuto con gli oggetti d'uso comune e con gli scarti. Un vero e proprio viaggio per ammirare la nascita, l'evoluzione e lo stato attuale del concetto di riutilizzo con finalità etica e estetica nel mondo dell'arte moderna e contemporanea.
In occasione della mostra TREVIKART #Greendesign (Gruppo PRO- GEST), azienda leader nel settore della produzione di mobili e complementi in cartone ondulato e packaging alimentare, in collaborazione con l’associazione culturale TRA Treviso Ricerca Arte, lancia il concorso nazionale CHARTA. RE.design Conte(x)st rivolto a studenti di Architettura, Design e Grafica e giovani professionisti Under 40.
L’obiettivo del concorso non è solo quello di disegnare soluzioni innovative e intelligenti per il trasporto e l'imballaggio di prodotti ortofrutticoli made in Italy, ma soprattutto ripensare come esse, una volta esauritala funzione originaria, possano trasformarsi in altri oggetti d'uso quotidiano, tramite azioni di (ri)taglio, piega e/o incastro del cartone ondulato. I prototipi oggetto del concorso, andranno a tracciare un filo rosso tra utilità, impegno e design.
Come partecipare:
- Ogni partecipante è invitato a elaborare un progetto di Smart Packaging per il trasporto di prodotti ortofrutticoli Made in Italy composto da tre prototipi innovativi (misure S, M e L) capaci di trasformarsi in tre differenti oggetti d’uso quotidiano;
- Per ogni prototipo devono essere specificati: il prodotto ortofrutticolo DOP o IGP, le cromie, le grafiche e le istruzioni d’uso per la conversione dell’involucro in oggetto di design d’uso quotidiano tramite azioni di (ri)taglio, piega e/o incastro del cartone ondulato;
- Sono ammessi progetti fino a un massimo di 4 autori per gruppo;
- I materiali finali del progetto, devono essere inviati in un unico file digitale in formato .pdf (risoluzione immagini 300 dpi) unitamente al modulo di partecipazione all’indirizzo charta2019@gmail.com entro e non oltre le ore 23:59 del 28 aprile 2019;
- I materiali del concorso, con tutti i dettagli, sono scaricabili dai portali www.trevisoricercaarte.org e www.tkgreendesign.it nella sezione speciale CHARTA. RE.design Conte(x)st.;
- Domande sulle modalità di partecipazione al concorso e/o sulle specifiche del progetto di concorso possono essere inviate all’indirizzo charta2019@gmail.com entro e non oltre le ore 23:59 del 31 marzo 2019.
RE.USE. Scarti, oggetti, ecologia nell’arte contemporanea e CHARTA. RE.design Conte(x)st
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.