Mostra Quello che doveva accadere - Ancona

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 26/01/2021 Aggiornato il 26/01/2021
Dal al
Ancona (AN)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Marche
Luogo: Museo Tattile Statale Omero, Mole Vanvitelliana, Banchina Giovanni da Chio 28
Telefono: 071/2811935
Orari di apertura: 16-19. Lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.museoomero.it
Organizzatore: Museo Tattile Statale Omero
Note:
Lo spazio ‘900 e Contemporaneo del Museo Tattile Statale Omero si apre all'esperienza dell'arte come memoria civile e ospita l'opera di
Giovanni Gaggia (Pergola, PU, 1977), un arazzo realizzato
dall'artista e performer marchigiano nel quarantesimo anniversario della strage di Ustica.

La strage di Ustica colpì anche Ancona, città della famiglia Davanzali, armatori e proprietari della compagnia aerea Itavia, il cui DC-9 fu abbattuto, in circostanze non ancora del tutto chiarite, il 27 giugno del 1980. Una tragedia che causò 81 vittime cambiando la sorte di molte famiglie e lasciandosi dietro uno strascico di segreti e di dolore.

L’opera di Giovanni Gaggia è un percorso intimo che si sviluppa nella lentezza e nella processualità del ricamo trasformando l’azione artistica in un atto di meditazione, in cui l’artista sublima i fatti che sfumano sul piano della storia e della politica, mettendo in luce la pluralità delle storie, delle voci, delle vite, dei sentimenti.

La frase “Quello che doveva accadere”, suggerita da Daria Bonfietti
(presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime della Strage di Ustica) è scritta in Braille.

Ad accompagnare l’opera anche una serie di contributi sonori, in cui persone attive nel mondo dell’arte e della cultura italiana proporranno una propria personale riflessione sul rapporto tra arte e memoria.

A causa delle restrizioni dovute alle norme di contenimento dell’epidemia Covid-19 l’opera corredata dai contributi sonori sarà disponibile online sul sito del Museo Omero www.museoomero.it
e poi in presenza appena permesso.

L'esposizione è a cura di Stefano Verri.
Quello che doveva accadere
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com