Mostra Picasso Metamorfosi - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 21/09/2018 Aggiornato il 06/12/2018

Apre la stagione autunnale milanese la grande mostra dedicata a Pablo Picasso (Malaga, Spagna, 1881 - Mougins, Francia, 1973) e al rapporto multiforme che l'artista spagnolo ha sviluppato con il mito e l'antichità, mostra che si propone di esplorare da questa particolare prospettiva il suo intenso e complesso processo creativo.

Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre nelle Regioni che si trovino in zona gialla possono essere aperte con modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ), che è bene verificare direttamente con gli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Palazzo Reale, piazza Duomo 12
Telefono: 02/92897755
Orari di apertura: 9,30-19,30; giovedì e sabato 9,30-22,30; lunedì 14,30-19,30
Costo: 14 euro; ridotto 12 euro
Dove acquistare: https://www.vivaticket.it/ita/event/picasso-metamorfosi/112809
Sito web: http://www.palazzorealemilano.it/wps/portal/luogo/palazzoreale/mostre/inCorso/PICASSO_METAMORFOSI
Organizzatore: Musée Picasso di Parigi
Note:
Promossa e prodotta dal Comune di Milano -Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre Skira, la mostra è curata da Pascale Picard, direttrice dei Musei civici di Avignone. Il progetto, tappa milanese della grande rassegna europea triennale Picasso-Méditerranée, promossa dal Musée Picasso di Parigi con altre istituzioni internazionali, presenta 200 opere tra lavori di Picasso e opere d'arte antica alle quali il maestro si è ispirato, provenienti dal Musée National Picasso di Parigi e da altri importanti musei europei. In questa esposizione è l'antichità nelle sue diverse forme a declinarsi nelle mitologie reinventate da Picasso e presentate nelle sei sezioni che presentano le opere del grande artista accostate a quelle di arte antica, tra ceramiche, vasi, statue, placche votive, rilievi, idoli, stele, che lo hanno ispirato e influenzato.

La prima sezione "Mitologia del Bacio - Ingres, Rodin, Picasso" riunisce i tre artisti attorno al tema del bacio con alcuni dipinti di Picasso, Il bacio di Rodin e Paolo e Francesca di Ingres. La seconda sezione "Arianna tra Minotauro e Fauno" ricorda i suoi punti di riferimento ricorrenti con figure ibride lacerate tra umano e animale, bene e male, vita e morte. Le sue opere popolate da Fauni maschi e femmine, minotauri e centauri. La terza parte "Alla Fonte dell'Antico - Il Louvre" racconta come l'ispirazione classica riesca a mitigare in una certa fase la intensa fase cubista. La quarta sezione "Le Demoiselles del Dyplon: tra greci, etruschi e iberici" riporta la sua esperienza culturale, con le continue visite al Louvre dal 1901 fino anche dopo la seconda guerra mondiale, scoprendo i periodi arcaici e la pittura dei vasi greci d'epoca geometrica. Nella quinta sezione "L'antichità delle metamorfosi" la scultura La donna in giardino (1932) in ferro saldato utilizzato come materiale di riciclo e volutamente dipinta di bianco come un marmo apre questa parte per introdurre le Metamorfosi di Ovidio, di cui Picasso illustra nel 1931 una celebre edizione pubblicata da Albert Skira e di cui Skira, in occasione  della mostra, riedita la copia anastatica. Nell'ultima sezione "Antropologia dell'antico" è protagonista la ceramica, che Picasso scopre nel dopoguerra,  sperimentando il potenziale artistico della terracotta dipinta.
Picasso Metamorfosi
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com