Mostra Photos! I capolavori della Collezione Julián Castilla: Cartier- Bresson, Doisneau, Capa, Man Ray e i più grandi fotografi del ’900 - Bologna

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 14/05/2022 Aggiornato il 14/05/2022
Dal al
Bologna (BO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Emilia Romagna
Luogo: Palazzo Albergati, via Saragozza 28
Telefono: 06/91511055; 051/030141
Orari di apertura: 10-20 tutti i giorni
Costo: 15 euro; ridotto 13 euro
Dove acquistare: www.palazzoalbergati.com; www.arthemisia.it
Sito web: www.palazzoalbergati.com; www.arthemisia.it
Organizzatore: Arthemisia
Note:
Palazzo Albergati di Bologna ospita, per la prima volta in Italia, la straordinaria Collezione Julián Castilla.
Alfred Stieglizt, Man Ray, Henri Cartier-Bresson, Vivian Meier, Robert Capa, André Kertèsz, Alberto Korda e Robert Doisneau, nonché fotografi spagnoli come Carlos Saura, Ramón Masats, Oriol Maspons, Isabel Muñoz, Cristina García Rodero o Chema Madoz e molti altri sono i protagonisti, con i loro memorabili scatti entrati ormai nell’immaginario collettivo come
fermo-immagine del secolo scorso, di un viaggio imperdibile nella storia della fotografia.

Un accostamento di oltre 70 opere, di grandi maestri spagnoli e internazionali, che rendono l’esposizione bolognese unica al mondo.
Considerata una delle collezioni private più importanti d'Europa, appartenente a Julián Castilla, noto collezionista d'arte spagnolo, copre più di un secolo di arte fotografica, dalla nascita della fotografia moderna all'inizio del XX secolo a quella attuale del XXI secolo.

Un racconto che passando per l'istituzione dell'Agenzia Magnum e lo sviluppo del fotoreportage, dall’evoluzione della fotografia di moda, al racconto del presente, si confronta oggi con le sfide contemporanee nell'era digitale.
La maggior parte delle opere della sua collezione storica sono in bianco e nero. L'ultima fotografia, datata febbraio 2005, è degli artisti Christo e Jeanne-Claude, che ritraggono la loro monumentale installazione di 37 chilometri a Central Park, composta da un totale di 7.503 “porte” (pannelli di tessuto arancione).

La mostra, suddivisa in nove sezioni tematiche, spazia dalle avanguardie degli anni ’20 a Parigi con immagini visionarie di Man Ray e André Kertesz alla creazione dell’Agenzia Magnum con opere dei suoi fondatori Robert Capa e Henri Cartier- Bresson tra gli altri; dagli scatti di Robert Doisneau e Vivian Meier, allo sguardo fotografico di alcuni maestri spagnoli come Joan Colom, Xavier Miseraches e Oriol Maspons.

L'altra grande immagine da segnalare è Heroic Guerrilla Fighter (1960), realizzata dal fotografo cubano Alberto Korda, è il ritratto più famoso di Che Guevara, che è diventata uno dei simboli del XX secolo.

Una importante sezione è quella dedicata alla nascita della fotografia di moda. In mostra abbiamo Il primo servizio realizzato nel 1939 The Mainbocher Corset di Horst P. Horst e tra le altre una famosa immagine intitolata Nina & Simone di William Klein.

La mostra è a cura di Cristina Carrillo de Albornoz.
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com