Mostra Paul Thek. Italian Hours - Roma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 17/10/2022 Aggiornato il 17/10/2022
Dal al
Roma (RM)
Regione: Lazio
Luogo: Fondazione Nicola Del Roscio, via Francesco Crispi 18
Orari di apertura: 11-17,30. Sabato e domenica chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: https://fondazionenicoladelroscio.it/the-fondazione/
Organizzatore: Fondazione Nicola Del Roscio in collaborazione con il Watermill Center, Alexander e Bonin, New York, e l’Estate di George Paul Thek
Note:
La Fondazione Nicola Del Roscio presenta un nuovo progetto espositivo dedicato a una figura fondamentale della storia dell’arte contemporanea: Paul Thek (New York, US 1933-1988).

Una serie di recenti studi ha gettato nuova luce sul complesso e duraturo rapporto che Paul Thek ha intrattenuto con l’Italia e sull’impatto fondamentale che il Paese ha avuto sul suo lavoro, caratterizzato da una pratica innovativa, che sfida i generi, attingendo a una grande varietà di media differenti.

Tenendo conto di queste premesse, la mostra, che presenta il lavoro di Paul Thek in Italia per la prima volta dopo il 1995, riunisce una selezione di dipinti, disegni e sculture - comprese le vestigia della sua opera più celebre, oggi perduta, dal titolo The Tomb – realizzate sulla scorta delle influenze tratte dalle sue esperienze a Roma, in Sicilia e sull'isola di Ponza tra il 1962 e il 1975.

Facendo ritorno in Italia ripetutamente, Thek rielabora gli stimoli derivanti dalle sue scoperte italiane, dalla visita ai siti archeologici, alle pratiche funerarie ancora in essere, dalle spettacolari processioni religiose, agli elementi che caratterizzano il paesaggio italiano, producendo una risposta barocca alla Pop Art e al minimalismo e alla loro predilezione per la produzione industriale, che dominavano la scena artistica a lui coeva.

Il lavoro di Paul Thek evidenzia inoltre un dialogo significativo con un gruppo di altri artisti contemporanei che lavoravano in Italia in quel periodo, tra cui Cy Twombly e Piero Manzoni. Queste connessioni cosmopolite, incoraggiate dal rapporto di Thek con la mecenate e gallerista Topazia Alliata, sono spesso state tralasciate nel tentativo di inserire Thek in una corrente del Secondo dopoguerra esclusivamente americana. Questa mostra, dimostrando la versatilità di Thek come artista e la sua duratura eredità, esplora il ruolo dell'Italia come catalizzatore di vari momenti chiave della sua carriera.

La mostra è curata da Peter Benson Miller.

Dida: Paul Thek, "Sicily", 1962-63, private collection
Paul Thek. Italian Hours
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com