Mostra Orazio Gentileschi. La fuga in Egitto e altre storie - Cremona

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 19/10/2020 Aggiornato il 19/10/2020
Dal al
Cremona (CR)
ATTENZIONE
Le mostre nelle Regioni che si trovino in zona gialla possono essere aperte con modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ), che è bene verificare direttamente con gli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Pinacoteca Ala Ponzone, via Dati Ugolani 4
Telefono: 0372/407770
Orari di apertura: 10-18. Lunedì chiuso
Costo: 7 euro; ridotto 5 euro
Dove acquistare: https://www.vivaticket.it
Sito web: https://musei.comune.cremona.it/
Organizzatore: Museo Civico “Ala Ponzone”
Note:
Per la prima volta, alla Pinacoteca Ala Ponzone di Cremona, si possono ammirare l’una di fianco all’altra due versioni del “Riposo durante la fuga in Egitto”, capolavori di Orazio Gentileschi.

Accanto alle due magnifiche tele, la prima del Kunsthistorisches Museum di Vienna e la seconda di collezione privata, la mostra propone una selezione di altri dipinti, sculture, avori, incisioni sulla popolare “Fuga” tramandata dal solo Vangelo di Matteo ma protagonista dei Vangeli apocrifi.

Due tele eguali, di Orazio Gentileschi, realizzate l’una dopo l’altra, dedicate al racconto del “Riposo durante la fuga in Egitto”. Un tema che, così come splendidamente ricreato dal Gentileschi, affascinò diversi committenti.
Le due versioni esposte all’Ala Ponzone risalgono al momento in cui Orazio Gentileschi, forse il più precoce, intelligente e spregiudicato interprete tra i pittori caravaggeschi, godeva di enorme fama internazionale.

L’opportunità di vedere contemporaneamente due dipinti consente anche di ripercorrere il tema iconografico della Fuga in Egitto e dei diversi episodi collegati, mettendo a fuoco una riflessione teologica e soprattutto iconografica sul tema delle Storie dell’infanzia di Cristo attraverso i secoli, a partire dal Medioevo fino ai nostri giorni.

In mostra, le due tele vengono affiancate da una selezione molto precisa di avori, sculture, miniature, dipinti e incisioni sul tema che permetterà di seguirne l’evoluzione nell’arte occidentale, dapprima con accenti marcatamente fiabeschi e poi, proprio a partire dalla serie di opere di Orazio Gentileschi, focalizzandosi sulla centralità della Sacra Famiglia.

La presenza di opere di importanti maestri come Martino e Callisto Piazza, Savoldo, Maratta, Rembrandt, Legnanino, Piccio, Sironi e tra le incisioni opere di Schongauer, Dürer, Procaccini, Rembrandt, Tiepolo rende la mostra particolarmente interessante.

La ricchezza dei temi, dei supporti e delle tecniche, unita a un ampio respiro temporale, fa di questa mostra un momento unico per lo studio e la comprensione di uno dei temi meno conosciuti della vita di Cristo.

La mostra è a cura di Mario Marubbi.
Orazio Gentileschi. La fuga in Egitto e altre storie
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com