Mostra Noel W Anderson. It’s Magic - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 12/11/2021 Aggiornato il 12/11/2021
Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le notizie pubblicate sono verificate fino alla data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia e al peggioramento della situazione contingente, possono subire modifiche legate a nuove restrizioni richieste per legge, anche a livello locale e regionale.

Regione: Lombardia
Luogo: Fondazione Mudima, via Alessandro Tadino 26
Telefono: 02/29409633
Orari di apertura: 11-13; 15-19. Sabato e domenica chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: mudima.net
Organizzatore: Fondazione Mudima
Note:
Nella sua prima mostra italiana l’artista americano Noel W Anderson (Louisville, KY, 1981) riflette sulla narrazione distorta che i media propongono dell’identità nera, invitando il pubblico a riconsiderarla da un punto di vista differente.

Nei ventiquattro arazzi esposti, di grandi dimensioni, tutti tessuti a mano e realizzati per l’occasione, Anderson altera immagini d’archivio tratte dalla televisione, dalle riviste e da altri media e crea, con incredibile verosimiglianza, l’impressione di guardare uno schermo televisivo: unisce così la tecnica antica della tessitura alla cultura visiva contemporanea della fotografia e delle immagini in movimento.
Sono i volti noti dei grandi sportivi afroamericani i soggetti che ritornano nei maestosi arazzi dell’autore.

Ma “It’s Magic” vuole anche essere un richiamo al magico e al sovrannaturale. L’artista capovolge le immagini, gioca con le ombre attraverso le quali i corpi si dissolvono trasformandosi in altro. Questo gioco di riflessi governa la percezione e allo stesso tempo inganna chi lo osserva. In modo altrettanto “magico”, Anderson smaterializza la figura in astrazione pizzicando i fili e tirandoli fuori fino a formare grovigli di cavi che ricordano quelli elettrici, sebbene qui l’energia che vi passa sia sovrannaturale.

Le immagini che rimandano alla statuaria bellezza dei corpi trasformati in icone sono quelle alle quali la comunicazione globale ci ha abituato ma che non rispecchiano la vera natura dell’uomo che ne diventa invece protagonista.

La mostra è curata da Léa Sitbon.


AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com