Mostra Nino Ferrari. L’arte del metallo tra tradizione e modernità - Lonato del Garda

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 18/02/2024 Aggiornato il 18/02/2024
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com
-
Lonato del Garda (Brescia)
La rassegna allestita alla Fondazione Ugo Da Como di Lonato del Garda, curata da Stefania Cretella (Università degli Studi di Verona), punta i riflettori sulla straordinaria produzione di Nino Ferrari (Canneto sull’Oglio, 1908 - Brescia, 1981), maestro della lavorazione dei metalli, del cesello e dello sbalzo su argento, rame e peltro, attivo a Brescia e a Milano tra gli anni Trenta e gli anni Settanta del Novecento.

Le opere sono esposte all’interno di alcune sale della Casa del Podestà, cuore del complesso monumentale della Fondazione Ugo da Como, integrate nel percorso di visita permanente della dimora (fra le meglio conservate Case Museo del Nord Italia) e valorizzate attraverso un allestimento progettato appositamente per l’occasione.

Nino Ferrari è uno dei grandi interpreti del nuovo gusto artistico che si diffonde negli anni Trenta e Quaranta, esprimendosi non solo in architettura, ma anche negli oggetti realizzati per la casa. Riprendendo l’antica tradizione lombarda, dà vita a creazioni sempre in dialogo tra la tradizione storica e le espressioni più moderne della sua contemporaneità, con una straordinaria abilità nel saper trasformare artigianalmente la materia grezza, attraverso un’eccezionale conoscenza delle tecniche e dei materiali.

Il percorso espositivo prende avvio dai primi anni di attività di Ferrari (1926), rilevando lo stretto legame maturato con forme e decori tratti dalla tradizione e dalla storia, per poi affrontare la definizione del suo caratteristico “stile modernissimo”, fino ad arrivare alla nascita dei fruttuosi rapporti di collaborazione instaurati con artisti e designer del calibro di Guido Frette, Gio Ponti e Roberto Sebastián Matta e alla sua partecipazione a esposizioni nazionali e internazionali.

La mostra presenta opere provenienti da collezioni private e da alcuni importanti istituti pubblici (tra cui le Raccolte civiche del Castello Sforzesco di Milano) e propone per la prima volta al pubblico oltre un centinaio di opere tra lavori in argento, rame, peltro e altre leghe metalliche; disegni su carta e cartoncino; stampi in gesso, opere in diverse fasi di lavorazione e strumenti di lavoro.



Regione: Lombardia
Luogo: Fondazione Ugo Da Como, via Rocca 2
Telefono: 030/9130060
Orari di apertura: 10-18 tutti i giorni. La prenotazione è consigliata
Costo: ingresso libero
Dove acquistare: ingresso libero
Sito web: www.fondazioneugodacomo.it
Organizzatore: Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como, in collaborazione con il Comune di Lonato del Garda