Mostra Mercanteinfiera - Parma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 02/09/2019 Aggiornato il 02/09/2019
Dal al
Parma (PR)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Emilia Romagna
Luogo: Fiere di Parma, viale delle Esposizioni 393
Telefono: 0521/9961
Orari di apertura: 10-19
Costo: 10 euro; ridotto online 8 euro
Dove acquistare: https://www.mercanteinfiera.it/
Sito web: https://www.mercanteinfiera.it/
Organizzatore: Fiere di Parma
Note:
L'edizione di Mercanteinfiera Autunno propone, attraverso i suoi 1.000 espositori, arte, antiquariato dal '600 all'800, modernariato, design, pezzi di collezionismo vintage, tipici dell’appuntamento internazionale di Fiere di Parma, affiancati, questa volta, da due mostre collaterali.

La prima collaterale “In her Shoes. Due passi nella storia della calzatura” (al padiglione 4), racconta un viaggio nella storia dell’accessorio più amato.
Con il Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi, Fiere di Parma apre le porte a un percorso femminile appassionante, che parte dalla calzatura delle nobili donne veneziane di fine XVII sec fino al sandalo ispirato a Blade Runner del britannico Nicholas Kirkwood, passando per Dior.

Il Museo di Stra nato nel 1995 da un' intuizione di Luigino Rossi, imprenditore calzaturiero, raccoglie i modelli più rappresentativi (1350 in esposizione ma 18 mila in archivio) prodotti dal calzaturificio Rossimoda dove artigianalità e estro hanno saputo dar forma alla creatività estetica di stilisti europei e americani.
Dal 2003 l’attività della manifattura e del Museo proseguono sotto l’egida del gruppo finanziario e del lusso LVMH.

La seconda mostra collaterale dal titolo “Collezione Bonanni Del Rio, la scelta italiana” (padiglione 4) è dedicata invece a quei creatori di sogni che sanno tradurre la magia di paesaggi, luoghi e persone in un linguaggio visivo a valenza universale, i fotografi. Sessanta scatti provenienti dalla collezione privata di Lucia Bonanni e Mauro del Rio della Galleria d’arte BDC di Parma.

Le spiagge di Massimo Vitali, l’occhio intimo-poetico di Luigi Ghirri, lo sguardo sul pianeta di Sottsass con i suoi disegni per i destini dell’uomo passando per Mimmo Jodice, Ugo Mulas, Cesare Monti e Nino Migliori.
20 fotografi con artisti come Gabriele Basilico (tra i più importanti documentaristi europei) con Lino Nanni e Elio Sorci. Due paparazzi, questi ultimi, che hanno saputo trasmettere ai comuni mortali la vitalità degli anni della Dolce Vita e dei suoi personaggi.

In mostra anche gli scatti di altri italiani come Gian Paolo Barbieri, Olivo Barbieri, Elisabetta Catalano, Guglielmo Coluzzi, Mario Cresci,Franco Fontana, Marcello Geppetti, Mario Giacomelli, Gianfranco Gorgoni, Luca Greguoli, Roberto Masotti, Pierluigi Praturlon, Tazio Secchiaroli, e Massimo Vitali, solo per citarne alcuni.

Per quanto riguarda antiquariato e collezionismo e per aiutare collezionisti e appassionati a proteggere opere d’arte come dipinti, bronzi argenti, il polo fieristico, per la prima volta mette a disposizione del pubblico il servizio Fingerprint Authentication System.
Nato dalla collaborazione tra il Centro Studi Archeometrici, Ars Mensurae e l’Università La Sapienza di Roma, il servizio propone un innovativo metodo di antifalsificazione basato su una vera a propria impronta digitale all’opera ottenuta grazie ai raggi X.

Per info sito: www.mercanteinfiera.it
Mercanteinfiera
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com