Mostra Memoria e passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero - Torino

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 27/01/2020 Aggiornato il 18/05/2020
Dal al
Torino (TO)
Regione: Piemonte
Luogo: CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia, via delle Rosine 18
Telefono: 011/0881150
Orari di apertura: 11-19; giovedì 11-21. Martedì chiuso
Costo: 10 euro; ridotto 6 euro. La prenotazione online del proprio turno d’ingresso in mostra è resa possibile grazie all’app di gestione della fila virtuale UFIRST (https://ufirst.business/utenti/scarica-app/) scaricabile da App Store e Google Play
Dove acquistare: www.camera.to
Sito web: www.camera.to
Organizzatore: CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia
Note:
La mostra racconta il nostro passato e le radici del nostro presente, oltre all’evoluzione della fotografia italiana e internazionale di un intero trentennio. Storie e racconti emergono dalle immagini più significative della Collezione Bertero, raccolta unica in Italia per originalità dell’impostazione e qualità delle fotografie presenti.

Tra le oltre duemila immagini che compongono la collezione, i curatori ne hanno scelte più di duecento, realizzate da circa cinquanta autori provenienti da tutto il mondo: tra i tanti, Bruno Barbey, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Robert Capa, Lisetta Carmi, Henri Cartier-Bresson, Mario Cattaneo, Carla Cerati, Mario Cresci, Mario De Biasi, Mario Dondero, Alfred Eisenstaedt, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Jan Groover, Mimmo Jodice, William Klein, Herbert List, Duane Michals, Ugo Mulas, Ruth Orkin, Federico Patellani, Ferdinando Scianna, Franco Vimercati e Michele Zaza.

Le storie raccontate dalle immagini parlano di un Paese e di tanti paesi.
I protagonisti sono contadini, preti, famiglie, nobildonne, militari, bambini e soprattutto i fotografi che, con gli accenti e le lingue più disparate, hanno impresso su pellicola il ricordo di queste vicende.

Questa mostra è anche la storia di un collezionista, Guido Bertero, che a partire dalla fine degli anni Novanta a oggi ha raccolto circa duemila stampe.
Una raccolta ricca ed eterogenea, nata da una passione personale che viene in quest'occasione esposta grazie alla volontà di Guido Bertero di condividere il suo patrimonio con il pubblico, in un'ottica di estrema apertura e volontà di diffondere la conoscenza per questo linguaggio che da sempre lo contraddistingue.

La mostra è curata da Walter Guadagnini, con la collaborazione di Barbara Bergaglio e Monica Poggi.

A partire dal 25 maggio, è possibile prenotare gratuitamente, da remoto o di persona, il proprio turno d’ingresso in mostra, così da evitare o ridurre i tempi di attesa e assicurare ingressi meglio distribuiti nel corso delle giornate, attuando le prescrizioni sul distanziamento fisico e migliorando l’esperienza di visita.

Il sistema, in costante potenziamento, è reso possibile grazie all’app di gestione della fila virtuale UFIRST (https://ufirst.business/utenti/scarica-app/), facilmente scaricabile da App Store e Google Play.

Memoria e passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com