Mostra Maria Jole Serreli. A casa mia avevo tre sedie - Cagliari

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 21/07/2020 Aggiornato il 23/09/2020
Dal al
Cagliari (CA)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Sardegna
Luogo: EXMA EXhibiting and Moving Arts, via San Lucifero 71
Telefono: 070/666399; mail: exma@consorziocamu.it
Orari di apertura: 10-13; 17-21. Lunedì chiuso
Costo: 5 euro; ridotto 3 euro. L’ingresso alla mostra è consentito a un massimo di 10 visitatori ogni ora
Dove acquistare: scrivere a: exma@consorziocamu.it
Sito web: www.exmacagliari.com; www.consorziocamu.it
Organizzatore: Consorzio Camù
Note:
Una nuova produzione originale e site specific dedicata all’opera dell’artista Maria Jole Serreli (Roma, 1975).
La mostra riscostruisce minuziosamente le stanze della casa-atelier che, a Marrubiu, nella provincia di Oristano, l’artista ha ricevuto in eredità da una prozia, in realtà per lei una seconda madre, trasformandola in luogo di sperimentazione e dialogo artistico.

Tutti gli arredi e gli oggetti che la casa conteneva, profondamente connotata dal passaggio di esistenze femminili, sono stati conservati, i corredi e anche il più piccolo lembo di tessuto sono stati salvati e utilizzati per la realizzazione di lavori originali, che tracciano un ponte tra passato e presente.

Ne deriva una narrazione affascinante, intensa, che scandaglia nel profondo: spazio di vincoli forti e altrettanto forti desideri di emancipazione, di conquista della libertà, la casa è uno sfaccettato, incoerente microcosmo, in cui albergano affetti e solitudini, vociare di amicizie ma anche silenziose inquietudini, rimpianti, sconfitte.

A questo racconto fa riferimento il titolo della mostra, che cita un passo del filosofo e scrittore Henry David Thoreau: «a casa mia avevo tre sedie: una per la solitudine, due per l'amicizia, tre per la società».

La mostra è curata dalla storica dell’arte Simona Campus, direttrice artistica del centro comunale d’arte EXMA.

Foto Consorzio Camù
Maria Jole Serreli. A casa mia avevo tre sedie
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com